menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Enzo Cardone

Enzo Cardone

Cardone, passione e ricerca: così il piccolo pastificio diventa grande

FASANO – Da piccolo pastificio locale ad importante realtà italiana del settore: passo dopo passo, il pastifico Cardone di Fasano sta portando a compimento un cammino lungo e difficile (soprattutto in tempi di crisi), ma Enzo Cardone, il titolare dell’azienda, è convinto di poter raggiungere gli obiettivi che si è prefissato.

FASANO - Da piccolo pastificio locale ad importante realtà italiana del settore: passo dopo passo, il pastifico Cardone di Fasano sta portando a compimento un cammino lungo e difficile (soprattutto in tempi di crisi), ma Enzo Cardone, il titolare dell'azienda, è convinto di poter raggiungere gli obiettivi che si è prefissato.

«Qualche anno fa abbiamo compiuto una scelta, anzi due: puntare tutto sull'alta qualità dei nostri prodotti, e rinunciare alla gare al ribasso dei prezzi a cui in tanti si sono appassionati con la speranza di poter sopravvivere. I risultati, almeno finora, ci stanno dando ragione».

La pasta Cardone è passione, una passione che si riflette in ogni fase del processo produttivo, dalla selezione dei migliori grani alla molitura, dalla scelta delle acque più pure alla realizzazione dell'impasto. Ed è soprattutto ricerca, perché il pastificio fasanese sta puntando tutto sul grano Senatore Cappelli, che negli ultimi anni è stato oggetto di un recupero reso possibile grazie all'attività del Germoplasma (banca del seme) di Bari, ed è oggi considerato una materia prima d'eccellenza, nonostante rappresenti ancora una nicchia nel mare magnum delle coltivazioni di frumento.

«Il grano "Senatore Cappelli" - spiega Enzo cardone - non è mai stato oggetto delle manipolazioni genetiche caratteristiche delle attuali coltivazioni, che sacrificano gusto e proprietà nutrizionali per ottenere rese sempre più elevate, inoltre, grazie ad un'altezza importante, soffoca le malerbe ed è quindi indispensabile in agricoltura biologica.? Oggi la stragrande maggioranza delle paste presenti sul mercato è prodotta con semole e farine che mescolano grani italiani ma soprattutto esteri, quasi tutti derivati da pochissime varietà, sintomo di una biodiversità smarrita».

L'azienda pugliese lavora molto anche sulla comunicazione e sul packaging. Di recente ha ideato una nuova confezione che dà alla pasta una veste più moderna e quasi lussuosa: si tratta di un cartone contenente sei pacchi delle migliori selezioni di grani del pastificio. Un idea regalo originale ed intelligente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento