Coldiretti, ok alla norma salva-olio

BARI- È una lotta che va avanti ormai da tempo quella dell’olio extravergine contro le imitazioni a basso costo che provengono da varie parti del mondo. Ben quattro riconoscimenti del premio “Biol” sono stati assegnati alla Puglia nel 2012 per la sua produzione, eppure tutt’oggi c’è chi ancora cerca di imitare un olio che non ha rivali.

oliodoliva

BARI-  È una lotta che va avanti ormai da tempo quella dell’olio extravergine contro le imitazioni a basso costo che provengono da varie parti del mondo. Ben quattro riconoscimenti del premio “Biol” sono stati assegnati alla Puglia nel 2012 per la sua produzione, eppure tutt’oggi c’è chi ancora cerca di imitare un olio che non ha rivali.

In tutta Italia vengono prodotti circa 6-7 milioni di quintali di olio all’anno e la Puglia, insieme alla Calabria e alla Sicilia, detiene il primato con l’85% di questa produzione. La produzione di cibo a basso costo e di bassa qualità, proveniente da varie parti del mondo, sta intaccando le vendite di olio italiane ed è iniziata una vera e propria battaglia per difendere il made in Italy, accentuata ancora di più dal pressing della Coldiretti di Puglia.

Questo perché secondo la Coldiretti l’importazione di olio di oliva straniero in Italia nel 2011 ha raggiunto il record storico di 584.000 tonnellate superando la produzione nazionale. Il presidente della Commissione Agricoltura, Paolo Scarpa Bonazza Buora, ha presentato a Roma  una proposta di legge “salva-olio” che ha l’obiettivo di «ostacolare la commissione di attività fraudolente e pratiche commerciali scorrette nell’ambito della filiera degli oli di oliva vergini» grazie a norme che garantiscono l’autenticità del prodotto sia sull’etichetta sia nel settore delle pratiche commerciali.

L’oro di Puglia, come quello di tutto il Paese, dev’essere protetto e le etichette sono il modo più veloce e semplice per assicurare l’autenticità di un prodotto simbolo del nostro Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento