rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Economia

Riconversione centrale Enel Cerano: prima riunione del tavolo di coordinamento

Da decidere il futuro del sito di Brindisi e di quello di Civitavecchia. I deputati D'Attis e Battilocchio: "Da settembre inizieranno ad operare i gruppi di lavoro istituzionali e del partenariato economico e sociale"

BRINDISI – Si è svolta stamattina (mercoledì 26 luglio) la prima riunione del comitato di coordinamento per la riconversione delle centrali a carbone di Brindisi e di Civitavecchia presieduta dal sottosegretario Bergamotto. Lo fanno sapere i deputati Mauro D’Attis e Alessandro Battilocchio, entrambi di Forza Italia, firmatari dell’emendamento, divenuto legge, istitutivo del comitato.

“Abbiamo avuto la prova – dichiarano i parlamentari - che averne previsto con norma di legge la istituzione è stato molto importante”. “Brindisi e Civitavecchia, che tanto hanno dato in termini di produzione energetica da carbone – rimarcano D’Attis e Battilochio - hanno ora un luogo istituzionale, previsto esplicitamente in una legge dello Stato, in cui si affronta seriamente il tema della transizione ecologica che precedenti Governi avevano completamente trascurato. E questo, per noi, è motivo di grande soddisfazione”. 

“Da settembre inizieranno ad operare i gruppi di lavoro istituzionali e del partenariato economico e sociale – proseguono - ma è assolutamente importante che la nuova governance di Enel abbia le idee più chiare sugli investimenti auspicando che gli stessi continuino a garantire l’occupazione attuale e anche una crescita”. 

“Brindisi e Civitavecchia – concludono - meritano tutta l’attenzione del governo per il grande obiettivo della decarbonizzazione e per una transizione ambientale e industriale che rappresenti una vera opportunità per il territorio”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riconversione centrale Enel Cerano: prima riunione del tavolo di coordinamento

BrindisiReport è in caricamento