Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Economia

Corridoio Baltico-Adriatico: Il Ppe approva mozione di D'Attis

Prosegue il cammino per ottenre una modifica del Corridoio Baltico-Adriatico, con un suo prolungamento sino a Brindisi, includendo perciò anche i porti e infrastrutture di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia

DUBROVNIK - Prosegue il cammino per ottenre una modifica del Corridoio Baltico-Adriatico, con un suo prolungamento sino a Brindisi, includendo perciò anche i porti e infrastrutture di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. "La strategia della macroregione Adriatica-Ionica ha bisogno della immediata modifica della Rete TEN-T. Non è possibile che la UE interrompa a Ravenna il Corridoio Baltico-Adriatico che invece deve essere prolungato fino a Brindisi". Ha introdotto così il suo intervento Mauro D'Attis, membro titolare del Comitato europeo delle Regioni durante la riunione straordinaria del gruppo del Partito Popolare Europeo che in questi giorni si tiene a Dubrovnik in Croazia sul tema del "Ruolo della strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica (Eusair)".

Mauro D'Attis-5-9

"Ho chiesto ed ottenuto - ha continuato D'Attis - dal mio gruppo politico, attraverso un emendamento, presentato con il collega Nikola Dobroslavic, (presidente della Regione di Dubrovnik-Neretva), che è stato approvato, il pieno sostegno a questa richiesta che significa puntare dritto alla rivalutazione di scelte effettuate in passato come, ad esempio, la ridefinizione dei porti core e degli investimenti sulla rete ferroviaria e gli aeroporti". L'emendamento ha avuto anche il pieno sostegno da parte del Forum delle Camere di Commercio adriatico-ioniche in questa occasione rappresentato dal presidente della Camera di Commercio di Brindisi Alfredo Malcarne. Anche parlamentari Pd all'interno del gruppo del Partito socialista europeo sta lavorando su questo progetto.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corridoio Baltico-Adriatico: Il Ppe approva mozione di D'Attis

BrindisiReport è in caricamento