Economia

Cresce il settore auto nuovo e usato: il ruolo del web

Pur se a fatica il settore dell’automobile inizia a rialzare la testa. Un comparto che ha vissuto una discesa per diversi anni e che negli ultimi mesi sta invertendo questa tendenza negativa.
Gli ultimi dati dell’Istat hanno portato buone notizie superando le previsioni più rosee: in riferimento alla compravendita di automobili quello portato dall’Istat è il dato migliore degli ultimi 5 anni.
A crescere è l’intero comparto: da quello della produzione (+41% ad agosto) alla fabbricazione dei mezzi di trasporto, della metallurgia e prodotti in metallo, della realizzazione di macchinari e attrezzature.

Solo numeri positivi quindi. Confermati anche dal mondo dell’usato. Su entrambe queste tendenze sembra influire anche la rete che oggi mette a disposizione dei navigatori moltissimi strumenti da adoperare.

Prendiamo proprio il settore dell’usato: tra siti, portali di vario genere e servizi multimediali sta proliferando negli ultimi periodi il settore dei compro auto usate. Aziende presenti capillarmente su tutto il territorio. Basta cercare in rete, ad esempio, compro auto in contanti Brindisi, per avere una panoramica anche del territorio nostrano.

Ebbene tramite internet è possibile farsi un’idea del prezzo di realizzo di una vettura usata. Si riceve una valutazione direttamente via mail dopo aver compilato il form sul portale dell’azienda scelta.
Si viene quindi contattati per una proposta di appuntamento in sede. Se l’utente è quindi interessato ad una reale offerta e non vuole soltanto avere un’idea approssimativa del valore della propria auto, può recarsi di persona in sede e ottenere una quotazione esatta della propria vettura usata.

Ma non finisce qui; perché questa valutazione equivale ad un’offerta che l’azienda effettua al cliente per ritirare la sua auto usata istantaneamente. In sostanza si viene pagati subito e si lascia la propria macchina in sede.

Una compravendita in tempi rapidissimi, in linea con la tendenza della rete che è più che ami immediatezza. Come ovvio non ci si stupisca se l’offerta non è all’altezza delle aspettative; d’altra parte tentare di ottenere la cifra che si ha in mente implica perdita di mesi. E nel frattempo la vettura potrebbe svalutarsi ancora.

Pochi, maledetti e subito come si suol dire; si riceve una proposta. Se la si accetta si esce dalla filiale con i soldi in mano. E qui è opportuno fare attenzione a come l’azienda scelta va a pagare.
Da prediligere metodi a norma (il contante ad esempio, sopra i 3.000 euro non è legale); o sicuri. L’assegno circolare su tutti; magari da ritirare direttamente presso la filiale della banca dove l’azienda ha il conto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce il settore auto nuovo e usato: il ruolo del web

BrindisiReport è in caricamento