rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

Crisi del pomodoro, Stefàno chiede in commissione al Senato misure straordinarie

ROMA - Sulla crisi del pomodoro pugliese audizione in Commissione Agricoltura del Senato, con la partecipazione anche l’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno, col compito di illustrare la delicata situazione del comparto. “Una situazione – ha spiegato Stefàno – che quest’anno ha visto aggiungersi ad una condizione di debolezza nei rapporti tra mondo della produzione primaria e quello della trasformazione, anche qualche elemento di criticità metereologica, con le elevate temperature che hanno anticipato i tempi di maturazione del prodotto”.

ROMA - Sulla crisi del pomodoro pugliese audizione in Commissione Agricoltura del Senato, con la partecipazione anche l'assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno, col compito di illustrare la delicata situazione del comparto. "Una situazione - ha spiegato Stefàno - che quest'anno ha visto aggiungersi ad una condizione di debolezza nei rapporti tra mondo della produzione primaria e quello della trasformazione, anche qualche elemento di criticità metereologica, con le elevate temperature che hanno anticipato i tempi di maturazione del prodotto".

Illustrata alla Commissione ed al suo presidente Paolo Scarpa Bonazza, l'iniziativa portata avanti dallo stesso Stefàno a nome di tutte le Regioni italiane, in qualità di coordinatore della Commissione Politiche Agricole, con la richiesta al ministero guidato da GiancarloGalan la rivisitazione del decreto ministeriale 1229 del 2008 per cause di forza maggiore , "nella direzione - spiega Stefàno - di eliminare la indicazione delle rese per ettaro e quindi di aprire la strada al regime di aiuto in termini disaccoppiati".

"Il presidente Scarpa Bonazza - aggiunge l'assessore - oltre ad aver apprezzato il lavoro svolto sinora, si è impegnato a sostenere questa nostra richiesta, così come si è impegnato ad essere interlocutore permanente delle Regioni, allo scopo di facilitare il dialogo col governo a cominciare dal tema delle misure anticrisi per l'agricoltura".

"Misure - ricorda, ancora Stefàno - che come Sistema delle Regioni già dal 2009 ed in più circostanze abbiamo sottoposto al governo nazionale e sulle quali Scarpa Bonazza ha espresso piena condivisione, impegnandosi a sollecitare il governo a dare corso alle stesse, a cominciare dal reinserimento degli sgravi contributivi per le zone svantaggiate e di montagna".

"Apprezziamo, naturalmente, l'approccio e l'impegno assunto da Scarpa Bonazza - conclude Stefàno - ma la storia ci suggerisce di non coltivare facili illusioni sui possibili esiti. Sinora, infatti, il governo si è mostrato sordo alle nostre richieste, arrivando a tagliare costantemente le risorse ordinarie per il comparto. Vogliamo nutrire, oggi, la speranza che l'audizione odierna possa rappresentare un momento di svolta, che ci aiuti a veder realizzate le misure straordinarie che come Regioni abbiamo da tempo indicato come assolutamente necessarie ed indispensabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi del pomodoro, Stefàno chiede in commissione al Senato misure straordinarie

BrindisiReport è in caricamento