Economia

Edipower: "Attesa per il parere del ministero sul piano industriale"

Il futuro dei lavoratori della centrale Edipower di Brindisi Nord è stato al centro di un incontro in prefettura svoltosi stamani, su iniziativa dello stesso prefetto di Brindisi, Nicola Prete. Intorno a un tavolo si sono ritrovati i rappresentanti della società proprietaria della centrale, A2a, le organizzazioni sindacali e Confindustria Brindisi

BRINDISI – Il futuro dei lavoratori della centrale Edipower di Brindisi Nord è stato al centro di un incontro in prefettura svoltosi stamani, su iniziativa dello stesso prefetto di Brindisi, Nicola Prete. Intorno a un tavolo si sono ritrovati i rappresentanti della società proprietaria della centrale, A2a, le organizzazioni sindacali e Confindustria Brindisi. 

Durante l’incontro, la società ha colto l’occasione per fare il punto sull’attuale  situazione della centrale. “In particolare – si legge in una nota di A2a - Edipower ha comunicato che gli enti competenti dovranno esprimersi a breve  in merito all’iter autorizzativo per il progetto di co-combustione presentato da Edipower al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per la riqualifica della Centrale di Brindisi”.

“In attesa del parere formale da parte del Ministero dell’Ambiente, la Società ha confermato la propria disponibilità a tenere aperto il dialogo con il territorio”. 

Sul piano dei riflessi occupazionali, infine, “Edipower ha assicurato la volontà di limitare gli impatti negativi sui dipendenti, garantendo la continuità occupazionale prevalentemente attraverso processi di riqualificazione professionale finalizzati alla ricollocazione delle risorse all’interno del Gruppo A2A, nel solco delle modalità già concordate con le organizzazioni sindacali a livello nazionale per la gestione di analoghe situazioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edipower: "Attesa per il parere del ministero sul piano industriale"

BrindisiReport è in caricamento