Economia

Xylella, Emiliano: "Faremo di tutto per abbattere solo piante malate"

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato oggi con l’assessore alle risorse agroalimentari, Leo di Gioia, alla riunione della task force regionale per la lotta alla Xylella fastidiosa, per una valutazione congiunta della sentenza della Corte di Giustizia europea

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato oggi con l’assessore alle risorse agroalimentari, Leo di Gioia, alla riunione della task force regionale per la lotta alla Xylella fastidiosa, per una valutazione congiunta della sentenza della Corte di Giustizia europea in merito all’espianto delle piante ospiti in un raggio di 100 metri da quelle infette da Xylella ed in merito ai principi di proporzionalità e precauzione. Alla riunione ha partecipato anche il direttore di dipartimento Gianluca Nardone. Al termine del dibattito, che ha visto l’intervento di oltre una trentina di esperti multidisciplinari, Emiliano ha tenuto le conclusioni. Sarà emesso un atto che conterrà le modalità di lotta contro la malattia.

Prima dell’incontro, Emiliano aveva dichiarato di attendersi dalla riunione “il migliore dei suggerimenti che ci possa consentire di rapportarci col Governo italiano e l’Unione europea, alla luce della recente sentenza della Corte europea. È nostra intenzione incontrare la Procura di Lecce e il Ministero dell’Agricoltura. Come già detto, sulla base della posizione italiana che scaturirà da tali confronti richiederò un incontro con le massime autorità dell’Unione Europea, ovvero con il Commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori Vytenis Andriukaitis, con il commissario all’Agricoltura Phil Hogan e con il commissario all’Ambiente Karmenu Vella”.

Dopo la seduta della task force, il presidente della Regione ha annunciato che “le linee guida del nostro atto saranno: riprendere in mano il documento fitosanitario e rafforzarlo dal punto di vista dei soggetti coinvolti, concentrandolo alla lotta al vettore; agire sul vettore limitandone l’azione con mezzi che devono guardare allo sradicamento della pianta come un’assoluta eccezione che può avvenire solo se la pianta è malata e se sono esclusi altri mezzi che possano evitarne la distruzione”.

“La prima idea che è emersa dall’incontro odierno è cambiare il punto di vista: vogliamo provare a far comprendere che la questione Xylella coinvolge l’intero sistema di vita della comunità pugliese e quindi le sole regole di quarantena della fitopatia al di là del fatto che siano obbligatorie o meno non si adattano a una situazione di questo tipo”.

“Possiamo quindi provare a individuare altri parametri di giudizio da sottoporre all’Efsa e alla Corte di giustizia che ci consentano di sfuggire alle sanzioni dell’Unione Europea?”, si è chiesto il governatore della Puglia. Altra questione riguarda i nostri ulivi secolari e monumentali: vogliamo chiedere al Ministero dei beni culturali di dichiarare i nostri ulivi (alcuni risalgono all’epoca di Federico II) vestigia storica che sia comunque vietato distruggere”.

Inoltre, Emiliano vuole che si tenti di “guardare agli alberi e alla loro capacità naturale di assorbire C02 come elemento di compatibilità con altri atti dell’Unione Europea che mirano ad abbassare i livelli inquinamento. Le popolazioni sono anche oggetto degli speculatori da epidemia, ci sono persone che urlano scatenando il panico e guadagnando una scena che non avrebbero mai avuto altrimenti”..

Queste speculazioni determinano “problemi gravi, per questo è importante introdurre elementi di maggiore partecipazione e non solo di comunicazione. Valuteremo anche se non sia il caso di spingere i tanti studiosi che stanno lavorando anche a produrre letteratura scientifica utilizzabile in sede europea e giudiziaria. Dobbiamo in primo luogo salvaguardare alberi che hanno età e morfologia tali da trasformarli in veri e propri monumenti e che dunque vanno tutelati”.

“Dobbiamo scatenare una battaglia di popolo al vettore, concentrare la sorveglianza del territorio, tenere pulite le nostre aree, verificare se le buone pratiche agricole vengono effettuate da tutti, per rallentare la malattia. Non so se basterà – dice Emiliano - ma servirà a evitare che qualcuno in maniera furbesca scarichi le responsabilità di quanto accaduto su chi invece il danno lo ha ricevuto, trasformando le vittime in carnefici, come la favola del lupo e dell’agnello”.

L’Unione europea, infatti, secondo Emiliano “ha la responsabilità di non aver sorvegliato sull’importazione delle piante ornamentali sta cercando di scaricare su di noi la responsabilità di quanto si sta verificando. Noi stiamo cercando di capire in che misura fare una valutazione del danno ricevuto: mi riferisco al risarcimento del danno ricevuto dall’intera comunità e il risarcimento degli alberi”.

L’impegno, insomma è quello di fare “tutti i tentativi possibili e immaginabili per salvaguardare il nostro patrimonio, i nostri ulivi. La task force ha il compito insieme al Consiglio regionale di verificare che ciò che diciamo e facciamo corrisponde alle soluzioni più adeguate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella, Emiliano: "Faremo di tutto per abbattere solo piante malate"

BrindisiReport è in caricamento