rotate-mobile
Economia

Haralambidis, tra due mesi fine storia

BRINDISI – Due mesi ancora, poi si saprà se Iraklis Haralambidis è definitivamente fuori dall’Autorità portuale di Brindisi, o se sarà reintegrato. La quarta sezione del Consiglio di Stato ha infatti fissato per l’8 gennaio 2013 l’udienza di merito sul ricorso del professore ellenico di Economia marittima la cui nomina a presidente dell’ente portuale brindisino era stata annullata dalla prima sezione del Tar di Lecce, con sentenza depositata il 17 luglio scorso.

BRINDISI ? Due mesi ancora, poi si saprà se Iraklis Haralambidis è definitivamente fuori dall?Autorità portuale di Brindisi, o se sarà reintegrato. La quarta sezione del Consiglio di Stato ha infatti fissato per l?8 gennaio 2013 l?udienza di merito sul ricorso del professore ellenico di Economia marittima la cui nomina a presidente dell?ente portuale brindisino era stata annullata dalla prima sezione del Tar di Lecce, con sentenza depositata il 17 luglio scorso.

La fissazione dell?udienza è stata sollecitata con due atti nei giorni scorsi dall?appellato, l?ingegnere brindisino Calogero Casilli, che aveva sostenuto attraverso i suoi legali, ottenendo ricorso positivo dal Tar, che un cittadino straniero, sia pure comunitario, non poteva essere designato dal governo a capo di un ente in cui si assumono decisioni strategiche per l?economia nazionale.

Haralambidis era stato perciò ?deposto? dalla sentenza, cui ha subito dopo opposto impugnativa dinnanzi al Consiglio di Stato. Da tenere presente che nel giudizio al momento non si è costituito alcuno degli enti coinvolti nella nomina di Haralambidis, a partire dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e dalla Regione Puglia. Iraklis Haralambidis era stato designato alla presidenza dell?Autorità Portuale di Brindisi dal ministro pro tempore Altero Matteoli (Pdl).

Attualmente l?Authority brindisina è affidata al commissario straordinario Ferdinando Lolli, ammiraglio in congedo e presidenza di Stazioni Marittime Spa di Genova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Haralambidis, tra due mesi fine storia

BrindisiReport è in caricamento