rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Economia

Il "Classe 69” di Risveglio si veste di rosa

Le Cantine Risveglio hanno messo in bottiglia il "Classe 69 Brut Rosè”, che abbiamo assaggiato in anteprima: un prodotto eccellente, che amplia la gamma di un'azienda che, con grandi sacrifici, sta tentando di imporsi sul mercato. Non solo locale.

In Puglia, da sempre terra di rosati, da qualche anno è scoppiata la moda delle bollicine rosè da uve Negroamaro. Il primo a lanciarla, cinque anni or sono, è stato Angelo Maci, con il Mela Rosa delle sue cantine Due Palme (Cellino San Marco), ben accolto dal mercato, tanto da venderne 50.000 bottiglie (cosa non da poco in un territorio di certo non vocato agli spumanti). Anche il Rosa Rosè di Paolo Leo ha ottenuto un buon successo, di fatto ampliando il posizionamento dell'azienda di San Donaci, famosa per la produzione di vini rossi d'eccellenza. L'ultimo arrivato è il Classe 69 delle Cantine Risveglio (Brindisi) che continuano il loro percorso di trasformazione, quanto meno nei metodi di produzione e commercializzazione, da cantina sociale vecchio stampo a moderno produttore vitivinicolo.

Il presidente Giovanni Nardelli, che in questo arduo percorso si è gettato - come si suol dire - "anima e core", ha appena messo sul mercato la versione rosè del prosecco lanciato a Natale. Lo abbiamo assaggiato in anteprima e ci ha fatto una impressione davvero notevole: colore di media intensità, profumi piacevoli e persistenti, bollicine non invadenti. Insomma, un ottimo prodotto, che rimarrà gradevole anche oltre il periodo estivo e che amplia la gamma di buoni vini prodotti dalla cantina, affiancandosi ai pregevoli Simposio Riserva e al 72100. Ora manca un bianco di qualità, ma siamo certi che non passerà molto tempo e...

Sempre in tema di brut rosè pugliesi, questo più pugliese di tutti, perché non necessita di preparazioni in terre di prosecco, ci piace segnalare il D'Araprì Metodo classico Rosè delle famose cantine di San Severo (Foggia). Qui il Negroamaro non c'entra nulla: solo Montepulciano e Pinot Nero, che danno vita ad un prodotto eccezionale, raffinato e originale come aperitivo, ottimo da fine pasto, desiderabile a qualsiasi ora.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Classe 69” di Risveglio si veste di rosa

BrindisiReport è in caricamento