rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Economia

Il Comune cerca guide turistiche: approvata la bozza per l'avviso pubblico

BRINDISI – Il Comune di Brindisi cerca guide turistiche che faranno parte di una sorta di albo fiduciario per imminenti iniziative programmate dall'assessorato al ramo. La bozza dell'avviso pubblico è stata approvata nei giorni scorsi con una delibera della giunta comunale.

BRINDISI - Il Comune di Brindisi cerca guide turistiche che faranno parte di una sorta di albo fiduciario per imminenti iniziative programmate dall'assessorato al ramo. La bozza dell'avviso pubblico è stata approvata nei giorni scorsi con una delibera della giunta comunale.

Con una legge regionale del 2008, infatti, la Regione Puglia demandava alla Province l'istituzione di elenchi degli esercenti delle professioni turistiche, ma poiché al Comune non risulta redatto alcun elenco e considerando che la Corte Costituzionale aveva annullato per incostituzionalità la legge regionale, il Comune di Brindisi non ha perso tempo. Avvertendo la necessità di qualificare l'offerta turistica del territorio e di garantire la qualità delle iniziative che saranno presto attuate ha deciso di indire un avviso pubblico per l'individuazione di guide turistiche.

L'avviso è rivolto a tutti coloro che, oltre che a possedere i titoli e i requisiti richiesti, dimostrino di possedere altresì la conoscenza degli elementi caratterizzanti il territorio di Brindisi, sotto i profili storico, monumentale, archeologico, naturalistico e delle tradizioni enogastronomiche. Tre i profili: guida turistica, guida ambientale-escursionistica, guida turistico-sportiva. Il primo caso riguarda la classica accezione del termine, con l'accompagnamento delle persone singole o in gruppo, in visita a luoghi d'interesse culturale e paesaggistico, o di rilevanza ed attrattività turistica, al fine di illustrare gli aspetti storici, artistici, demo-etno-antropologici e produttivi del territorio e delle opere e manufatti. Per quanto riguarda la guida ambientale-escursionistica, ci si riferisce all'attività in ambiti terrestri o acquatici, naturali o atropizzati, in aree naturali protette o comunque sottoposte a tutela, in strutture con carattere didattico-espositivo, al fine di illustrare i caratteri paesaggistici, ambientali, faunistici, botanici e geomorfologici del territorio.

Infine, la guida turistico-sportiva, per situazioni in cui è richiesta la conoscenza di particolari tecniche, ovvero l'impiego di specifiche attrezzature (per esempio attività subacquea o ciclopasseggiate).

Quali sono i requisiti? Un diploma di istruzione secondaria di secondo grado e la conoscenza degli elementi caratterizzanti il territorio di Brindisi, sotto i profili storico, monumentale, archeologico, naturalistico e delle tradizioni enogastronomiche. Costituisce requisito aggiuntivo l'ottima conoscenza e padronanza in forma parlata di una o più lingue straniere. Il possesso dei requisiti professionali e la conoscenza degli aspetti qualificanti del territorio saranno verificati mediante l'esame dei titoli dichiarati e della documentazione prodotta, nonché per mezzo di un colloquio che si terrà davanti ad una Commissione giudicatrice.

I nominativi saranno inseriti in un apposito elenco tenuto pubblicamente e redatto su base alfabetica, senza alcuna articolazione per punteggio o alcun ordine di merito. L'inserimento nell'elenco, specificano dal Comune, non comporterà alcun diritto né di natura economica, il rapporto di prestazione d'opera sarà inteso solo quando il professionista sarà chiamato a svolgere un determinato incarico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune cerca guide turistiche: approvata la bozza per l'avviso pubblico

BrindisiReport è in caricamento