Economia

Il mercatino per turisti: utile per quasi tutti i produttori agroalimentari

E' scaduto oggi, lunedì 4 maggio alle ore 12, il bando per partecipare alla manifestazione di interesse indetta dal Comune di Brindisi e finalizzata alla selezione di un gestore del mercatino di prodotti tipici artigianali ed enogastronomici

BRINDISI - E’ scaduto oggi, lunedì 4 maggio alle ore 12, il bando per partecipare alla manifestazione di interesse indetta dal Comune di Brindisi e  finalizzata alla selezione di un gestore del mercatino di prodotti tipici artigianali ed enogastronomici da vendere nella corte del complesso monumentale “ex Convento Scuole Pie”, in occasione degli approdi delle navi da crociera, previsti fino a novembre 2015. L’iniziativa è promossa e organizzata nell’ambito dell’articolato programma di accoglienza dei crocieristi, per far conoscere ed apprezzare loro, durante il soggiorno in città, le specialità gastronomiche e le tipicità artigianali, considerato che il turismo presuppone un incontro di un individuo con il territorio e non solo con le sue attrattive monumentali e paesaggistiche.

Sarà consentita all’interno del mercatino esclusivamente la vendita di prodotti specifici: da dipinti, sculture e ceramiche all’abbigliamento e all’antiquariato, ma anche a  tutto ciò che riguarda il settore alimentare purché sia di produzione locale. Questo per far conoscere ai crocieristi le caratteristiche del nostro territorio tra tradizione e cultura. Adesso, non resta che sapere chi si occuperà dell’allestimento e dell’organizzazione del mercatino: domani, infatti, dopo che negli uffici comunali avranno esaminato tutte le domande pervenute fino ad oggi a Palazzo di Città, si avrà un quadro più completo della situazione, in modo tale, poi,  da procedere con la selezione del gestore.

Luigi Rubino-3Intanto secondo alcune testimonianze, raccolte da BrindisiReport.it, tra gli imprenditori locali agricoli c’è chi condivide l’iniziativa in questione e chi, invece, è un po’ scettico, ma non esclude la possibilità di provare a partecipare. “Si tratta sicuramente di un’ottima idea – ha affermato Luigi Rubino, dell’azienda vitivinicola Tenute Rubino -, ma per quanto mi riguarda la vendita dei nostri prodotti all’interno di questo mercatino non è indispensabile, considerato che noi abbiamo un’attività proprio sul lungomare Regina Margherita, in pieno centro, dove chiunque venga, crocieristi compresi possono trovare tutto quello di cui hanno bisogno. Questo, però, non significa che io sia contrario a quanto promosso e organizzato dall’amministrazione comunale: sono convinto che più iniziative si propongono meglio è in termini di crescita e di sviluppo turistico nella città.”

Luigi Guadalupi -Masseria Guidone-2Sulla stessa linea Luigi Guadalupi, proprietario della Masseria Guidone, azienda brindisina che tramanda da generazioni l’arte della produzione dell’olio extravergine d’oliva.  “A dir la verità non ero per nulla a conoscenza di questa iniziativa – ha spiegato -, ma ben venga per il nostro territorio. Certo, avendo un punto vendita già avviato, proprio di fronte all’ex Convento Scuole Pie, in via Tarantini, sarebbe inutile per me trasferirmi e portare i miei prodotti all’interno del mercatino. Magari resterò aperto per offrire il mio contributo in termini di accoglienza garantendo un buon servizio a tutti i crocieristi che arriveranno a Brindisi.”

Giovanni Nardelli - Risveglio Agricolojpg-2C’è, poi, chi condivide pienamente il progetto e ha già fatto sapere che vi aderirà. Una gran bella trovata da parte del Comune di Brindisi – ha affermato Giovanni Nardelli, presidente della cooperativa Risveglio Agricolo di Brindisi - . Appena conosceremo chi sarà il gestore del mercatino, proporremo subito la vendita dei nostri prodotti. Si tratta di un’occasione da non perdere: è questo il miglior modo di promuovere, ma soprattutto di far conoscere quelle che sono le tipicità locali. Solo se c’è una buona offerta ci può essere la domanda, del resto in tutte le città di Italia si lavora in questo modo: i turisti cercano sempre con meraviglia e curiosità di approcciarsi al territorio  in cui si trovano e noi dobbiamo essere bravi a fornire loro gli strumenti giusti affinché ciò sia possibile. E’ importante farlo per il bene della città, ancor più se desideriamo che questa continui a crescere, diventando così sempre più bella.”

Pasquale Lillo-2A riguardo, infine, qualcuno mostra un po’ di scetticismo, senza escludere, però, un tentativo, una prova. “Questa iniziativa nell’ambito del programma di accoglienza per i crocieristi – ha spiegato Pasquale Lillo dell’omonima azienda agricola -  potrebbe rivelarsi una buona intuizione dal punto di vista dello sviluppo turistico della città, ma bisogna vedere quanto la gente che dalla nave scende a Brindisi, sia interessata ai prodotti tipici locali. Finora mi è sembrato che tutti coloro che ho incontrato fossero più propensi a passeggiare, piuttosto che ad acquistare. Ciò non toglie, comunque, che si possa provare e vedere che tipo di risposta si riesce ad ottenere dai turisti.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mercatino per turisti: utile per quasi tutti i produttori agroalimentari

BrindisiReport è in caricamento