Venerdì, 14 Maggio 2021
Economia

Il programma di Vendola: "Cento cantieri in 100 giorni". A Brindisi rilancio di porto e aeroporto

Il programma di Vendola: "Cento cantieri in 100 giorni". A Brindisi rilancio di porto e aeroporto

Nichi Vendola

BARI - Questa mattina a Bari il governatore della Puglia, Nichi Vendola, ha letto al Consiglio regionale le dichiarazioni programmatiche della nuova giunta. Tra queste, BrindisiReport ha estrapolato quelle che riguardano opere pubbliche, politiche d'impresa e logistica dei trasporti. Eccone i passaggi integrali in cui si parla anche del futuro del porto e dell'aeroporto di Brindisi. Il documento completo con l'intero discorso di Vendola è reperibile sul sito Qui Regione al link PressRegione.

"Continueremo ad accompagnare i processi di aggregazione delle imprese in settori e filiere, secondo la feconda intuizione dei Distretti Produttivi. Si tratta di confermare il sostegno alle imprese che investono in innovazione, energie rinnovabili e qualità ambientale e garantiscono buona e stabile occupazione. Si tratta di sostenere lo start up di nuove imprese, nell'ambito anche dell'economia dei beni creativi e immateriali. Più prosaicamente, perché questa è l'urgenza di oggi, pensiamo alla realizzazione di un piano per sostenere l'economia territoriale".

"Provo a usare uno slogan, ma penso ad un progetto concreto: 100 cantieri in 100 giorni. E cioè 100 opere pubbliche cantierizzate prima della fine dell'anno. 100 opere di piccola dimensione in 100 comuni, ossigeno immediato per la nostra economia. Abbiamo ovviamente la partenza anche di grandi cantieri che possono farci respirare. Penso alla nuova sede degli Assessorati regionali per un importo complessivo di 34 milioni di euro: il contratto di aggiudicazione è stato formalizzato nello scorso mese di aprile e l'avvio dei lavori è previsto entro le prossime settimane; mentre il completamento dei lavori è previsto entro il 2011".

"Penso alla nuova sede del Consiglio Regionale, opera attesa ormai da un intero evo, opera il cui progetto ricopre un importo complessivo di 87 milioni di euro: finalmente entro il prossimo ottobre ci sarà la formalizzazione del contratto e la successiva consegna lavori; la previsione del completamento dei lavori è entro il 2012. Queste realizzazioni consentiranno un risparmio pari a 3 milioni e 141 mila euro sostenuti attualmente per oneri annuali di locazioni per tutte le sedi in affitto nella Città di Bari".

"Entro settembre 2010 sarà avviata una nuova programmazione degli interventi sulla Viabilità regionale, con soggetti attuatori le Province pugliesi. Si tratta di opere importanti. E poi, c'è la Strada regionale numero 8 per un complessivo importo di 54,89 milioni di euro, progetto le cui autorizzazioni sono ormai in dirittura d'arrivo".

"I porti. I tre principali porti pugliesi di Taranto, Bari e Brindisi costituiscono tre nodi strategici del futuro della Puglia. L'obiettivo di questo mandato è farne un unico sistema, costituendo un tavolo permanente di coordinamento delle autorità portuali al fine di condividere le scelte sulla base delle politiche nazionali e comunitarie. A Taranto, potenzialmente grande porto hub del Mediterraneo, con i numerosi interventi attualmente in corso di progettazione e realizzazione, si pongono le condizioni per uno sviluppo impetuoso non solo dell'economia ma anche dell'occupazione. Bari rafforza la vocazione di porta di ingresso verso i Balcani mentre il porto di Brindisi che mantiene entrambe le vocazioni sia nell'ambito del traffico dei container e sia passeggeri".

"Gli Aeroporti. L'obiettivo si fa ancora più ardito, ma i risultati conseguiti nello scorso quinquennio dalla nostra società aeroportuale ci consentono di coltivare questa sfida e questa ambizione: inserire il sistema aeroportuale pugliese nel global netwoks internazionali e intercontinentali. La Puglia come uno dei principali hub di collegamento aereo tra il Mediterraneo e l'Europa. Questo richiede una buona rete di servizi. Al 2012 sarà dotata di collegamento ferroviario con la stazione centrale di Bari. Le ricadute saranno enormi: arrivare dall'aeroporto alla stazione di Bari in 15 minuti per poi spostarsi in tutta la regione liberamente. Taranto necessita di funzionalità rispetto agli sviluppi di Alenia e si candida a diventare aeroporto Cargo per il trasporto delle merci in sintonia con l'evoluzione del suo porto; Brindisi deve essere ulteriormente valorizzata in relazione alle esigenze di collegamento intermodale - rete ferroviaria di connessione tra l'aeroporto e la stazione - e con l'area salentina tutta, mentre Foggia rafforza i suoi collegamenti nazionali e, nella prospettiva dell'allungamento della pista, potenzia l'offerta".

"Avremmo voluto indicare gli interventi programmati per il potenziamento tecnologico del porto di Bari o per la realizzazione strategica del Terminal Crociere nel porto di Brindisi piuttosto che gli interventi nel porto di Manfredonia per il potenziamento della sua funzione di casello dell'Autostrada del mare. Avremmo voluto indicare i progetti per il potenziamento e l'allargamento degli aeroporti di Bari e di Brindisi o l'allungamento della pista dell'aeroporto di Foggia o della viabilità di quello di Grottaglie. Avremmo voluto inserire gli interventi per l'ammodernamento di alcuni tratti cruciali nella rete ferroviaria sulla linea San Severo-Peschici oppure su quella Manfredonia-Foggia-Lucera. Non possiamo farlo, perché questi progetti sono inseriti nella nostra programmazione dei Fondi Fas, in attesa di scongelamento. Tuttavia continueremo a dare tutte le nostre energie perché la Puglia possa proseguire ed intensificare l'opera strategica della crescita infrastrutturale, sia in termini dimensionali che qualitativi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il programma di Vendola: "Cento cantieri in 100 giorni". A Brindisi rilancio di porto e aeroporto

BrindisiReport è in caricamento