rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Economia

Il Tar tiene in sella Haralambides

BRINDISI - La notizia non è ancora ufficiale, ma sono diverse le fonti che ieri l'hanno fatta circolare: Hercules Haralambides resta per ora presidente dell'Autorità Portuale di Brindisi. Il Tar di Lecce avrebbe respinto il ricorso presentato dall'escluso Calogero Casilli, prima al Tar del Lazio, poi passato per competenza a quello salentino. La motivazione fondamentale dell'impugnazione, era quella della violazione della norma (dichiarata costituzionale) che vieta a cittadini comunitari di ricoprire in Italia ruoli dirigenti in enti, che presuppongano l'esercizio dei pubblici poteri.

BRINDISI - La notizia non è ancora ufficiale, ma sono diverse le fonti che ieri l'hanno fatta circolare: Hercules Haralambides resta per ora presidente dell'Autorità Portuale di Brindisi. Il Tar di Lecce avrebbe respinto il ricorso presentato dall'escluso Calogero Casilli, prima al Tar del Lazio, poi passato per competenza a quello salentino. La motivazione fondamentale dell'impugnazione, era quella della violazione della norma (dichiarata costituzionale) che vieta a cittadini comunitari di ricoprire in Italia ruoli dirigenti in enti, che presuppongano l'esercizio dei pubblici poteri.

Una questione che è stata probabilmente valutata a suo tempo dai consulenti legali del ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Altero Matteoli, che ha condiviso la scelta di Haralambides con il governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, e che ha visto consenziente anche l'assessore regionale al ramo, Guglielmo Minervini. Il professore ellenico di Economia marittima, rientrato il 2 novembre dopo due settimane di assenza dovute a ragioni di trasloco da Rotterdam, dove insegna all'Università Erasmus, avrebbe appreso la notizia della decisione del Tar dai suoi legali.

Forte di tale risultato davanti alla giustizia amministrativa, il presidente Haralambides ha convocato il Comitato Portuale per il 21 novembre in prima e per il 22 in seconda convocazione, con all'ordine del giorno l'esercizio finanziario e soprattutto il Piano delle opere triennale, che questa volta sul versante programmatico sarà profondamente influenzato dalle strategie della Regione Puglia, che punta su una simbiosi tra i tre grandi scali marittimi di Bari, Taranto e Brindisi. Insomma, Hercules Haralambides si sente in sella più che mai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar tiene in sella Haralambides

BrindisiReport è in caricamento