Economia

In Grecia e Croazia con l'idrovolante, una compagnia ci prova

Un idrovolante nel porto interno di Brindisi, col Monumento al Marinaio d'Italia, il tipico skyline cittadino, a fare da sfondo. Una inusuale vista, ammirata questa mattina da qualche cittadino di passaggio, che potrebbe trasformarsi in una realtà quotidiana a partire da questa stagione estiva

BRINDISI - Un idrovolante nel porto interno di Brindisi, col Monumento al Marinaio d’Italia, il tipico skyline cittadino, a fare da sfondo. Una inusuale vista, ammirata questa mattina da qualche cittadino di passaggio, che potrebbe trasformarsi in una realtà quotidiana a partire da questa stagione estiva.idrovolante porto brindisi-2 

Un idrovolante è un velivolo munito di particolari dispositivi galleggianti o una particolare forma della fusoliera, in grado di effettuare decolli e ammaraggi su superfici d'acqua libere o in strutture appositamente attrezzate, come gli idroscali o gli idroporti.

Si è svolta infatti questa mattina, daventi al lungomare Regina Margherita, una prova tecnica della European Coastal Airlines, la compagnia battente bandiera croata, proprietaria del velicolo (un De Havviland Canada Twin Otter, bimotore turboelica con 19 sedili per il trasporto passeggeri su rotte brevi, ndr) che, se si riuscirà a trovare un’intesa con gli enti interessati (Autorità portuale, Polizia di frontiera, Enav, Enac, Agenzia delle Dogane, Vigili del fuoco), collegherà giornalmente Brindisi a Grecia, Croazia e Montenegro.

La compagnia croata, che ad oggi dispone già di due scali, Ancona e Pescara, sul territorio nazionale, ha, come già scritto, organizzato nella mattina di oggi (25 maggio) un volo dimostrativo, alla presenza dei referenti dei vari enti che dovranno dare l’ok a questo nuovo collegamento e degli imprenditori portuali che lo gestiranno. “Siamo in una fase dimostrativa - dichiara a BrindisiReport.it il titolare della Titi Shipping, agenzia che dovrebbe gestire i collegamenti da Brindisi, Teo Titi,  - se si otterranno le autorizzazioni necessarie saremo in grado di dare il via ai voli già da questa stagione estiva”.idrovolante porto brindisi 2-2-2

L’idrovolante potrebbe quindi collegare Brindisi alle località sopracitate in un tempo medio stimato intorno ad un’ora, con un prezzo di poco superiore al trasporto via mare.

“Dobbiamo attendere l’esito della riunione operativa con tutti gli enti interessati, in calendario il prossimo 3 giugno, se si troverà un’intesa aggiungeremo i voli della European Coastal Airlines ai collegamenti offerti dalla città di Brindisi e dalla nostra agenzia”.

Ricordiamo che tre anni fa Brindisi fu inserita in un progetto transfrontaliero, l'Adria Seaplanes finanziato con due milioni di euro dall'Unione europea, per sperimentare la fattibilità di collegamenti con idrovolanti tra città dei diversi Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Il test di prova, con un velivolo Cessna, si svolse la mattina del 4 luglio 2013 a Bocche di Puglia. Poi la piattaforma di ormeggio fu smontata alla fine del mese di novembre del 2014 e sembrava che tutto fosse finito lì. Ma Adria Planes era solo un esperimento per orientare iniziative commerciali. Ed ora ecco una possibilità concreta di avviare concretamente una rete di collegamenti internazionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Grecia e Croazia con l'idrovolante, una compagnia ci prova

BrindisiReport è in caricamento