rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia

Per il nuovo manto stradale delle superstrade 250 milioni della Regione

Emiliano, soddisfatto per l'intervento dell'Anas, ricorda che si tratta di risorse del Fsc Patto per il Sud - Puglia

Era davvero in condizioni critiche, in alcuni tratti, come in territorio di Fasano, il manto stradale delle superstrade 16, 379 e 613 che uniscono Bari a Lecce, passando per Brindisi. I lavori sono in corso da settimane e in  alcuni tratti sono stati già completati anche con il ripristino della segnaletica orizziontale. “Soddisfazione” è stata espressa dal presidente della giunta regionale, Michele Emiliano per la decisione dell'Anas di riqualificare l’itinerario Bari-Brindisi-Lecce.

“Ricordiamo – ha sottolineato Emiliano – che per il potenziamento di questo asse stradale, fondamentale per l’economia e il turismo, saranno impiegate risorse del Fondo di sviluppo e coesione assegnati alla Puglia nell’ambito del Patto per il Sud. I 250 milioni con i quali saranno innalzati i livelli di sicurezza e di comfort per automobilisti e autotrasportatori su un asse strategico infatti non sono aggiuntivi da parte dello Stato, ma rientrano nella quota assegnata alla Regione Puglia nell’ambito del Fondo Sviluppo e Coesione e del Patto per il Sud – Puglia”.

“La Regione – prosegue Emiliano – proseguirà sulla strada dell’utilizzo integrale dei fondi europei per dotare i pugliesi di infrastrutture all’altezza in tutti i settori, anche di quelli di competenza statale come i grandi assi viari di Anas”. Le superstrade 16 (da Bari a Fasano), 379 (da Fasano a Brindisi) e 613 (da Brindisi a Lecce), costituiscono il tratto finale in Italia della E55, la strada europea che nasce dal porto di Helsingborg in Svezia e termina a Kalamata nel Peloponneso, in Grecia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per il nuovo manto stradale delle superstrade 250 milioni della Regione

BrindisiReport è in caricamento