menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accosti e colmata: "Il blocco rallenterebbe lo sviluppo del porto"

Le opere portuali al centro di un incontro fra il presidente dell'Authority e una delegazione del Propeller club guidata da presidente nazionale

BRINDISI - Questa mattina (venerdì 8 marzo) nella sede di Brindisi dell’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico meridionale, il presidente, Ugo Patroni Griffi, ha ricevuto il presidente nazionale del Propeller Club, Umberto Masucci, i presidenti delle sezioni di Taranto e di Brindisi, Michele Conte e Donato Caiulo, una delegazione dello storico club, e il comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi, capitano di vascello Giovanni Canu.

Nel corso dell’incontro sono stati diffusamente trattate le principali  linee programmatiche che l’Ente sta portando avanti per imprimere, in maniera significativa, un’azione di rilancio del porto di Brindisi.

IMG_7020-2

Tra gli argomenti sul tappeto, due tematiche che in questo periodo stanno occupando l’attenzione mediatica e che hanno registrato vedute discordanti tra gli addetti ai lavori e la collettività generalizzata: i progetti di realizzazione della cassa di colmata, necessaria e funzionale ai dragaggi del porto, e dei nuovi accosti a Sant’Apollinare .

Il Propeller ha concordato pienamente con il presidente Patroni Griffi sulla circostanza che si tratti di due opere fondamentali, il cui blocco o ripensamento comprometterebbe irrimediabilmente lo sviluppo del porto, almeno per i prossimi 10 anni. 

IMG_7022-2

Il Propeller ha annunciato di voler collaborare con l’Autorità di Sistema affinché i benefici di tali opere possano essere comunicati alla collettività, impegnandosi anche a contrastare alcune deleterie fake news. Nella fase di esecuzione di tali opere, inoltre, Propeller e AdSP si confronteranno perché venga perseguito l’obiettivo di dotare il porto di infrastrutture efficienti ed ecosostenibili. 

Il presidente Masucci, ha rimarcato che il Club è nato, così come nell’etimo del nome prescelto, per essere elemento propulsivo allo sviluppo del porto, essendo incondizionatamente al servizio della comunità portuale.  

Nel prossimo futuro, AdSP e Propeller di Brindisi hanno concordato sulla opportunità di continuare nel dialogo costruttivo già in essere, e di aprirsi ad ulteriori consultazioni in merito alle scelte programmatiche che saranno adottate dall’Ente portuale, ad iniziare dalla redazione del primo strumento urbanistico del porto di Brindisi, il Piano Regolatore Portuale, ai sensi della L. 84/94 così come modificata dal D.lgs 169/2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento