menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Centro di controllo a rischio chiusura": interrogazione al governo

Mauro D'Attis e altri deputati di Forza Italia chiedono chiarezza sul destino del sito Enav di Brindisi

BRINDISI - Il governo indichi “quali iniziative urgenti intenda assumere  per scongiurare la chiusura del centro di controllo Enav di Brindisi”. Così, in un’interrogazione al Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e al Ministro dell'economia, i deputati di Forza Italia Mauro D’Attis, Francesco Paolo Sisto, Elvira Savino e Vincenza Labriola.

Nell’atto ispettivo gli esponenti azzurri evidenziano come “il nuovo amministratore delegato di Enav Spa ha costituito qualche mese fa un apposito gruppo di lavoro, da lui stesso presieduto al fine di effettuare uno studio di valutazione riguardo il piano industriale per il quinquennio 2018-2023. Al centro dei lavori del comitato vi è la possibile chiusura del Centro di Controllo di Brindisi, come denunciato dalle rappresentanze sindacali”.

“Un eventuale chiusura del Centro di Controllo di Brindisi – sottolineano i deputati azzurri – creerebbe una crisi occupazionale con importanti ricadute sociali sul territorio di Brindisi, poiché un’eventuale riorganizzazione coinvolgerebbe circa 200 famiglie. Essendo Enav spa partecipata al 53% dallo Stato per il tramite del Ministero dell’Economia e delle Finanze le ricadute sociali prodotte da interventi di riorganizzazione dell’agenda dovrebbero essere adeguatamente valutate da parte dell’azionista di maggioranza quanto le esigenze di natura amministrativa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Attualità

Polveri sottili in Puglia: nel Brindisino il record di superamenti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento