Centrale a gas e deposito di Gnl: interrogazione ai ministri

I deputati Rossella Muroni ed Erasmo Palazzotto chiedono chiarimenti ai ministri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico

BRINDISI - La realizzazione della centrale termoelettrica a gas proposta da Enel e il progetto di un deposito di gas costiero proposto da Edison sono al centro di una interrogazione ai ministri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico presentata dai deputati Rossella Muroni (Leu), presidente nazionale di Legambiente, ed Erasmo palazzotto (Sinistra ecologia e libertà). I parlamentari prendono spunto da due lettere a firma di una serie di associazioni (Legambiente, Italia Nostra, Wwf, Forum Ambiente salute e sviluppo, Medici per l'ambiente, No al carbone, Salute Pubblica) inviate nei meri scorsi Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Nelle missive vengono esposte delle problematiche riguardanti “le permanenti criticità ambientali nel territorio di Brindisi – si legge nel testo dell’interrogazione - riconosciuto area di elevato rischio di crisi ambientale e sito di interesse nazionale, ai fini delle bonifiche di aree inquinate ed hanno evidenziato come progetti in corso di esame risultino in pieno contrasto con gli obiettivi carbon free (uscita dalla combustione del carbonio e non soltanto del carbone Cool) e con quelli della riconversione ecologica alla base del Green New Deal”. 
“Soltanto per citare alcuni esempi – scrivono Muroni e Palazzotto - si fa riferimento alla bonifica della discarica Micorosa che ospita ancora pericolosissimi rifiuti industriali e che ha visto l'assegnazione dell'appalto, con un incredibile ribasso del 74 per cento ed, oggi, la revoca dell'affidamento, lasciando il sito privo dei minimi interventi di messa in sicurezza” 

Vengono inoltre sollevate le seguenti questioni: “presso la commissione ministeriale Via-Vas è in corso la valutazione di impatto ambientale di una nuova centrale termoelettrica alimentata a gas che Enel vorrebbe realizzare in sostituzione della centrale Br-Sud alimentata a carbone che è uno dei maggiori produttori di gas climalteranti in Europa”; “la nuova centrale impiegherebbe appena cinquanta-settanta posti di lavoro avrebbe, come documentato anche dall'Arpa Puglia, addirittura un incremento delle emissioni climalteranti e creerebbe nuovi rischi idrogeologici e danni ambiental”; 

E poi: “nel porto di Brindisi, sono previste ingenti opere portuali attualmente sottoposte al giudizio di compatibilità ambientale da parte della commissione Via-Vas che, come si legge sul sito del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nel mese di agosto del 2019 ha respinto l'istanza dell'Autorità di sistema portuale del basso adriatico a causa della mancata integrazione inerente le caratterizzazioni di sedimenti da dragare”; “il progetto prevede il dragaggio di fondali interessati da sversamenti di sostanze inquinanti e dalla presenza di un relitto e di reperti archeologici e la realizzazione di una enorme colmata con escavazione fino a meno 27 metri rispetto al livello del mare”; “senza alcuna comunicazione ufficiale dell'apertura di un riesame del provvedimento emesso, sono stati acquisiti successivi pareri e la commissione Via-Vas si è espressa soltanto su caratterizzazioni non validate da un ente certificatore”. 
SI rileva inoltre che “nella stessa area interessata dalla colmata e da un nuovo banchinamento è stato presentato un progetto di realizzazione di un deposito costiero di Gnl da parte di Edison e si è prevista una capacità di deposito per l'impianto di 19.950 mc3 equivalenti, appena cinquanta metri cubi al di sotto della soglia prevista (20.000 mc3), in base al decreto legislativo n. 152 del 2006, per cui è prevista la Via nazionale e, conseguentemente, non si è consentita alcuna vera possibilità di partecipazione al procedimento e di esame dell'impatto ambientale”.

Alla luce ti tali considerazioni, i deputati chiedono: “se per i ministri interrogati la realizzazione della centrale termoelettrica a Gas proposta da Enel rispetti la giusta transizione energetica indicata più volte dal Governo”; “se non intendano avviare uno studio di fattibilità e la procedura della Via nazionale sul progetto Edison di cui in premessa per verificare le ricadute ambientali su un territorio già fortemente compromesso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Temperature in calo: allerta neve anche in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento