Economia

Top Gym Club: “Con il green pass la gente è sicura. Aumentati gli iscritti”

Pippo D’Amuri racconta che con la certificazione verde è possibile accedere alla sala attrezzi, alla ginnastica posturale e agli altri corsi che partiranno dal mese di ottobre. Basta scaricare l’app Palestre per prenotarsi

BRINDISI- Dai tamponi al green pass: dal 6 agosto è scattato l’obbligo di esibire la certificazione verde per accedere ai locali delle palestre e Pippo D’Amuri, storico titolare della Top Gym Club, già dallo scorso anno ha adottato i protocolli in vigore per svolgere le attività al chiuso come la misurazione della temperatura all’ingresso, mantenere la distanza di due metri dalle altre persone e indossare la mascherina al chiuso (tranne durante la doccia e l’allenamento).

20210920_180521-2

“Ero abituato a stare in mezzo alla gente tutti i giorni, avevo 25 anni quando ho iniziato a fare l’istruttore e da 22 sono proprietario della sede in via Carmine della Top Gym Club” racconta Pippo D’Amuri, ricordando quando ha rilevato la struttura dell’ex mobilificio Marra e trasferito l’attività da via Palestro. “Oggi ho 56 anni e dei primi tre mesi del lockdown mi sono fatto una ragione come tutte le attività. Ma la seconda volta eravamo stanchi” prosegue parlando della nuova chiusura da ottobre a maggio. “Avevamo organizzato tutto per rimanere aperti, investito e acquistato ciò che era stato prescritto. Abbiamo lavoricchiato ad agosto quando di solito andiamo in ferie. E poi la seconda chiusura”.

Nella palestra di Pippo D’Amuri erano impiegati undici istruttori: oggi sono solo due, Carla Marinovich e Mattia Marulli, che seguono i clienti nella sala attrezzi. E ha dovuto tagliare tutte le altre spese. “Abbiamo avviato i corsi di ginnastica posturale per le persone più grandi. A ottobre spero di ripartire con i corsi di gag, functional, trx. La gente li richiede perché ha voglia di tornare a fare sport. Forse ancora oggi le temperature permettono di stare all’aperto, ma si ha voglia di tornare a fare sport con noi” dice orgoglioso Pippo D’Amuri che ha registrato un affluenza pari al doppio della clientela degli altri anni. “La gente oggi è più sicura col green pass, le mamme lasciano i loro figli tranquille”.

20210920_180650-2

Ma come si accede oggi alla palestra? “Già dallo scorso anno l’Asl ci ha indicato quante persone possono partecipare ogni ora e mezzo ai corsi, ci ha fatto scaricare l’App Palestre perché il numero massimo è di 15 e attraverso l’applicazione è possibile prenotarsi. Se non si trova il posto, si resta in coda come riserve e il cliente riceve la notifica di accesso qualora qualcuno dovesse rinunciare all’allenamento. Così si lavora bene e sicuri” dice Pippo D’Amuri parlando della Top Gym Club come una famiglia in cui la figlia Chiara fa la segreteria e la compagna Rosa è addetta all’accoglienza. “Ci conosciamo tutti quì dentro e spero che tutte le palestre possano lavorare. Le premesse sembrano buone, la gente ha voglia di tornare e io potrei farmi un po’ di ferie ad agosto visto che da due anni lavoriamo in piena estate e col caldo afoso mai visto prima” dice sorridendo Pippo D’Amuri, salutando il nuovo cliente che accede al locale esibendo il green pass.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Top Gym Club: “Con il green pass la gente è sicura. Aumentati gli iscritti”

BrindisiReport è in caricamento