menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Its meccatronico: a Brindisi il primo corso per supertecnici

L'iniziativa sarà presentata mercoledì prossimo (5 settembre) presso la sala conferenze della sede di Confindustria

BRINDISI - Mercoledì prossimo (5 settembre) alle ore 11:00, presso la sala conferenze di Confindustria Brindisi (Corso Garibaldi, 53 – Brindisi. 7° Piano), sarà presentato il primo corso Its Meccatronico che si terrà a Brindisi, promosso dalla Fondazione Cuccovillo di Bari, in partenariato con Confindustria Brindisi, Associazione Fo.Ri.s. e tre importanti aziende multinazionali presenti sul territorio: Jindal, Sanofi, Ge Avio Aero. Una novità fortemente voluta dalla realtà industriale salentina e condivisa dall’Its “Cuccovillo”, che si è reso disponibile ad aprire una nuova sede nella città di Brindisi. 

Le motivazioni che hanno spinto a questo importante Accordo era quello di dotare il Territorio di un’offerta di “tertiary education” che desse forma e sostanza ai bisogni formativi e di innovazione di aziende manifatturiere che operano a Brindisi. Lo scopo del corso (durata biennale) è quello di formare supertecnici in grado di gestire processi produttivi e manutentivi attraverso la conoscenza di macchine Cnc, Plc,Robot e Additive Manufactoring.  Per tale motivo, i soggetti coinvolti hanno lavorato insieme per oltre 6 mesi e condiviso un corso fortemente tecnologico e specialistico, pur nella diversità produttiva delle 3 aziende interessate, per rispondere ai bisogni reali delle aziende del Territorio. 

Sono disponibili 25 posti e si accede mediante selezione con tempi e modalità previsti dal bando scaricabile dal sito www.itsmeccatronicapuglia.it. La domanda di iscrizione deve essere presentata entro e non oltre il 10/09/2018 (salvo proroghe).
All’evento interverranno: Il presidente di Confindustria Brindisi, Giuseppe Marinò, il presidente della Fondazione Cuccovillo, Lucia Scattarelli, il presidente dell’Associazione FO.RI.S, Angelo Guarini, rappresentanti delle tre aziende partner del progetto, l’assessore comunale alla formazione, Rita Ortenzia De Vito, l’assessore regionale alla formazione, Sebastiano Leo.

Gli Istituti Tecnici Superiori (Its) sono "scuole ad alta specializzazione tecnologica", nate su tutto il territorio nazionale per volontà del Miur (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) per rispondere alle esigenze delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche. Principale compito degli Its è la realizzazione di corsi di Istruzione Tecnica Superiore, post diploma, di durata biennale, alternativi ai percorsi universitari, facilitando l’inserimento nel mondo del lavoro e sbocchi lavorativi coerenti con la professionalità acquisita.

Caratteristica dei percorsi formativi è quella di coniugare alla didattica tradizionale esperienze dirette del mondo del lavoro attraverso il coinvolgimento nella didattica di professionisti e imprese e la realizzazione di periodi di stage in azienda per circa la metà delle ore del corso. Al termine del percorso formativo - previo superamento dell'esame finale – viene rilasciato ai partecipanti il Titolo di Tecnico Superiore, con valenza nazionale e riconoscimento anche all'estero (5° livello Eqf).

L’Iits “A. Cuccovillo”  - Fondazione costituita da soggetti pubblici e privati - forma tecnici superiori nelle aree delle Nuove Tecnologie per il Made in Italy, in particolare negli Ambiti della Meccanica, della Meccatronica, dell’Energia e del Sistema Casa, tutte aree considerate oggi strategiche per lo sviluppo economico e la competitivita? delle aziende. L’Its “Cuccovillo” è sempre risultati tra i primi in Italia e nel 2018 è stato premiato come Secondo, in Italia, su 113 esaminati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento