menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accordo Regione Puglia-Enel Spa per ambientalizzazioni a Cerano

La giunta regionale pugliese nella seduta di questo pomeriggio ha approvato l’atto di intesa tra Regione Puglia ed Enel Spa per gli interventi di miglioramento della centrale termoelettrica di Brindisi Sud “Federico II” di Cerano

La giunta regionale pugliese nella seduta di questo pomeriggio ha approvato l’atto di intesa tra Regione Puglia ed Enel Spa per gli interventi di miglioramento della centrale termoelettrica di Brindisi Sud “Federico II” di Cerano, mediante adeguamento - fa sapere una breve nota sui lavori della stessa giunta - dei depositi rifiuti, miglioramento dell’impianto di trattamento degli spurghi dei desolforatori e l’adeguamento del sistema di scarico del carbone da camion.

L'asse attrezzato Enel con oledodotto d'emergenza, nastro trasportatore carbone (coperto), e viabilità camion

Il carbone, infatti, in virtù di un accordo territoriale tra Enel e forze sociali, viene in parte trasferito alla centrale di Cerano a mezzo camion, e non solo con il nastro trasportatore. Le operazioni di carico e scarico del carbone sui camion è stato sempre oggetto di critiche da parte degli ambientalisti ma anche di verifiche da parte degli enti preposti, perchè avviene al di fuori dei sistemi che Enel definisce a bassa dispersione.

Un camion per il trasporto del carbone

I camion per raggiungere Cerano dalla banchina di Costa Morena percorrono una trincea in cui si trova una strada appositamente realizzata. In questo asse attrezzato passano il nastro trasportatore del carbone e una pipeline per il gasolio, combustibile alternativo per i quattro gruppi della centrale Enel in caso di interruzione del rifornimento di carbone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento