rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Economia

La birra al carciofo brindisino, l'ultima trovata della famiglia Lillo

L'azienda Lillo è tra le più importanti per la produzione del carciofo brindisino. E dopo averlo commercializzato al naturale, sott'olio e sotto forma di patè, ha pensato di "mettere” il carciofo nella birra. Ed è nata la 100 foglie.

L'azienda Lillo, storica azienda agricola di Brindisi, produce carciofo dal 1977. Dopo aver per prima sperimentato, prodotto e trasformato in più modi il prezioso "fiore" (sott'olio, al naturale, al patè), ecco un ultimo stuzzicante traguardo e una nuova scommessa nata dalla mente di Pasquale Lillo: la birra al carciofo brindisino.

Si chiama "100 foglie", è prodotta nel massimo rispetto delle più antiche tradizioni birraie, è una birra nuova e intrigante, dal colore giallo paglierino, dai profumi nuovi e delicati che molto ricordano il carciofo e gli agrumi, e un retrogusto piacevolmente amarognolo con una grande freschezza finale.

È una birra chiara dalla gradazione alcolica di 4.8 gradi, che ovviamente si abbina perfettamente alle mille ricette della cucina tradizionale pugliese a base carciofo, ma anche a fritture e formaggi di media stagionatura dal sapore abbastanza intenso.

www.aziendalillo.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La birra al carciofo brindisino, l'ultima trovata della famiglia Lillo

BrindisiReport è in caricamento