Ecotecnica, reintegra dei lavoratori sospesi: la soddisfazione dei sindacati

Nota congiunta delle organizzazioni sindacali Cgil – Fp, Fit – Cisl, Uiltrasporti, Fiadel sul vertice in prefettura di ieri

Foto di repertorio

BRINDISI – La disponibilità di Ecotecnica a reintegrare i 14 lavoratori sospesi dal servizio poiché gravati da precedenti penali che secondo il parere dell’azienda avrebbero esposto la stessa al rischio di una interdittiva antimafia, sulla base della legge 231/2001, fa tirare un sospiro di sollievi agi stessi lavoratori e alle organizzazioni sindacali. I sindacati Cgil – Fp, Fit – Cisl. Uiltrasporti e Fiadel esprimono soddisfazione per l’esito della riunione che si è svolta martedì (11 giugno) presso la prefettura di Brindisi. 

“L’azienda – si legge in una nota congiunta - ha accolto le nostre proposte e quelle delle Istituzioni, e rimaniamo in attesa che arrivi la circolare esplicativa del governo per chiarire definitivamente questa non condivisa interpretazione e applicazione della norma”. “L’incontro di ieri avvenuto a riscontro della nostra richiesta al prefetto di Brindisi il 27 maggio - proseguono i sindacati - e dello stato di agitazione proclamato successivamente ha messo in evidenza che, la dignità di chi lavora è sacra, come è giusto che chi ha sbagliato negli anni non paghi a vita, la Costituzione Italiana è chiara e va rispettata”.

I sindacati rimarcano la grande capacità mostrata dalle parti sociali “nell’affrontare e risolvere le problematiche di natura sociale – lavorativa”.
Nella nota si ricorda che le stesse organizzazioni sindacali “insieme a Confindustria Brindisi con l’appoggio dell’Amministrazione Comunale hanno sottoscritto l’accordo quadro territoriale per la deroga dei contratti a tempo determinato”. Ieri poi si è arrivato a “un altro accordo, il congelamento di tutte le procedure e il rientro immediato al lavoro per il personale interessato”.

I lavoratori danno atto “al grande attivismo dei lavoratori, del prefetto di Brindisi, Umberto Guidato e dal sindaco di Brindisi Riccardo Rossi che nel rispetto delle leggi con grande determinazione hanno ridato a tutti fiducia nelle Istituzioni”.

“Adesso sarà nostro dovere  - concludono - far rientrare al lavoro tutti gli altri lavoratori licenziati della Monteco srl e dalla Gial – Plast Srl ingiustamente colpiti da questo assurdo provvedimento, le nostre organizzazioni sindacali a tutti i livelli sono interessate per  una  soluzione  definitiva e, si attiveranno tutti i tavoli necessari per difendere la dignità di chi lavora onestamente”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro sulla provinciale: muore un bambino di 16 mesi

  • Scontro fra auto e scooter sulla provinciale: muore il motociclista

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

  • Marito aggredito con l'acido: la moglie non parla davanti al giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento