menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Dcm, lettera dei lavoratori: “Da febbraio senza stipendio, non abbandonateci”

Appello alle istituzioni territoriali da parte dei dipendenti di una della due aziende nate dal fallimento dell’ex Gse

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta dei dipendenti dell’azienda Dcm indirizzata al prefetto di Brindisi, ai deputati e senatori del territorio, al presidente della Regione Puglia, al consiglio regionale, al sindaco e al consiglio comunale di Brindisi, al segretari generali di tutte le organizzazioni sindacali, alla Rsu del gruppo Dema e alla direzione aziendale del gruppo Dema. Va ricordato che la Dcm è una delle due aziende costituite dopo il fallimento dell’ex Gse, storica impresa del settore aeronautico. La Dcm avrebbe dovuto accogliere temporaneamente, in cassa integrazione, circa la metà degli ex dipendenti della Gse, in attesa del riassorbimento da parte della ditta Dar, azienda in piena attività. Ma tale piano industriale, di fatto non si è mai concretizzato. 

Vi chiediamo scusa se con la presente sottraiamo alcuni minuti al Vostro prezioso tempo ma ci sembra doveroso ricordarVi che esiste un gruppo di 112 lavoratori dei quali nessuno più parla. Siamo 112 lavoratori,112 famiglie, 112 storie di invisibili che da diversi anni attendiamo con toni educati che le istituzioni, la politica, i sindacati e l’azienda ci restituiscano la dignità di padri di famiglia. 

Siamo i dipendenti della Dcm, azienda della quale appena tre mesi fa si è decretata la messa in liquidazione e la successiva richiesta di Cigs per cessazione di attività. Anche quello ci è stato presentato come un atto dovuto, un passaggio obbligato e ancora una volta con fiducia abbiamo chinato il capo e condiviso il percorso sempre con una speranza, salvare il gruppo Dema e sperare in un futuro riassorbimento. 
Potremmo passare giorni interi a narrarvi della nostra storia: Gse, Gse in amministrazione fallimentare, Dcm, Dar, Dema, progetto Dra.Go e chi più ne ha più ne metta, ma a cosa servirebbe se non a riempire pagine di giornali dei nostri volti, delle nostre tragedie. 
E che dire delle lungaggini burocratiche che ci vedono dall’ormai lontano mese di febbraio senza reddito per la mancata corresponsione della Cig. Potremmo continuare a narrare di tutte le scelte fatte tese ad un rilancio mai concretizzato, lo potremmo fare all’infinito raccontandovi ad una ad una le ingiustizie subite eppure siamo ancora qui con senso di responsabilità a sperare e a credere che col Vostro aiuto potremmo dare un senso a questa attesa infinita e un futuro alle nostre famiglie. 

Vogliamo immaginare che anche gli azionisti continuino a credere nel rilancio del gruppo senza distinzioni di nomi quali Dema, Dar, Dcm, Cam  ma soltanto famiglie alle quali restituire un futuro. Questo nostro appello lo dobbiamo innanzitutto alle nostre Famiglie che in questi anni di sconforto, di sacrifici economici, di inevitabili dissidi familiari ci hanno sempre sostenuto e incoraggiati a non mollare e a combattere per quello che la Costituzione Italiana dice essere un diritto: il lavoro.  Lo dobbiamo a noi stessi per rivendicare una dignità di Padri di famiglia e Lavoratori.  Lo dobbiamo a questo territorio martoriato ormai da anni dalla continua perdita di posti di lavoro. Non abbandonateci. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Coronavirus, oltre 1200 nuovi positivi e oltre 1500 guariti

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Cronaca

    Minaccia di morte e terrorizza la madre e la moglie: finisce in carcere

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento