Lsu, 121 lavoratori nel limbo: "La stabilizzazione non è più rinviabile"

Lettera aperta dei sindacati Cgil, Cisl e Uil al presidente del Consiglio Conte: "Non c’è più tempo, a dicembre scade la convenzione"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta dei segretari generali territoriali dei sindacati Cgil, Cisl e Uil al presidente del consiglio dei ministri, ai ministeri interessati, alle presidenze dell’Anci e della Regione Puglia, e per conoscenza al prefetto di Brindisi, sullo stato di precarietà in cui versano i lavoratori socialmente utili della provincia di Brindisi. 

La condizione di precarietà dei Lavoratori Socialmente Utili, non è più sopportabile, sono più  22 anni, che garantiscono attività fondamentali per la pubblica amministrazione. In tutti questi lunghi  anni, tali lavoratori, hanno vissuto con l’assegno sociale poco più di 500,00 euro, senza diritti contrattuali e con grave disagio economico-famigliare.

L’indennità è percepita dagli stessi per effetto di convenzioni annuali, che il Ministero del Lavoro sottoscrive con le Regioni  per garantire la prosecuzione delle attività svolte da questi lavoratori, fondamentali per i cittadini.

Nel 2016 è intervenuta la Corte dei Conti sulla mancata stabilizzazione degli LSU da parte dei Comuni, a fronte delle risorse che invece lo Stato impegna proprio per avviarla. Nel 2018 Sono state assegnate  risorse finanziarie  alla Regione Puglia a poco più di 8,4 milioni di euro destinate ad incentivare l’assunzione a tempo indeterminato dei Lavoratori Socialmente Utili.

Nonostante il piano pluriennale deliberato dalla Regione Puglia di stabilizzazione degli LSU da parte degli Enti utilizzatori (comuni – provincie – autorità portuale ecc.), ad oggi, un numero considerevole di lavoratori rimane nella condizione di precarietà con grave preoccupazione che, per il prossimo  futuro venga a mancare   l’indennità,  in assenza di stabilizzazione.

Inoltre, agli stessi lavoratori rimangono effetti gravissimi sul sostentamento economico-famigliare anche nel momento del raggiunto limite di età pensionabile. Infatti, sembra pregiudicato tale  diritto, poiché dal 1° agosto 1995 i periodi di lavori socialmente utili per i quali continua a essere erogato il relativo assegno il riconoscimento figurativo della contribuzione a carico dello stato è stato limitato ai soli fini del diritto alla pensione e non più ai fini della determinazione della sua misura. Vale a dire che i periodi in questione possono essere conteggiati ai fini del raggiungimento dell'anzianità contributiva minima per il conseguimento della prestazione previdenziale (es. i 42 anni e 10 mesi di contributi per la pensione anticipata, o dei 20 anni di contributi per la pensione di vecchiaia) ma l'accredito non sarà più considerato utile per far aumentare l'importo dell'assegno.

Non c’è più tempo, a dicembre scade la convenzione, La stabilizzazione non è più rinviabile. In primis il Governo assuma la responsabilità di assicurare il lavoro e poi gli Enti non trovino le ragioni per non realizzare quanto deve essere fatto per garantire a questi lavoratori un futuro più solido, soprattutto in questa provincia, Brindisi, dove il lavoro non c’è.  Ad oggi, nel nostro territorio sono stati stabilizzati 27 LSU e rimangono in tale condizione 128 lavoratori (in puglia stabilizzati n.111 rimangono in carica n.757). Le scriventi OO.SS. chiedono misure straordinarie per questi uomini e donne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Commedia per il cinema girata fra Cisternino e Ceglie Messapica

Torna su
BrindisiReport è in caricamento