menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sternativo (a sinistra) alla manifestazione di Roma

Sternativo (a sinistra) alla manifestazione di Roma

Manifestanti anticrisi anche da Brindisi

ROMA – C’erano anche centinaia di brindisini ieri alla manifestazione “Senza impresa non c’è Italia”, che si è svolta a Roma ed ha visto scendere in piazza circa 60.000 imprenditori provenienti da tutta l’Italia.

ROMA - C'erano anche centinaia di brindisini ieri alla manifestazione "Senza impresa non c'è Italia", che si è svolta a Roma ed ha visto scendere in piazza circa 60.000 imprenditori provenienti da tutta l'Italia.

«Gli associati alla Cna erano almeno un centinaio, ai quali bisogna aggiungere quelli di Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato», dice Emanuele Sternativo, presidente provinciale della Cna, che tiene a sottolineare un dato importante: «Il fatto che abbiano partecipato 60.000 imprenditori significa che a Roma erano rappresentate come minimo 180.000 persone, includendo i dipendenti delle aziende».

È la prima volta che così tante aziende scendono in piazza in maniera così massiccia, segno che ormai la situazione è arrivata ad un livello insostenibile. «Eravamo lì, uniti, anche per rappresentare quanti purtroppo non erano presenti, perché la crisi ha fatto chiudere le loro aziende», aggiunge Sternativo.

La manifestazione era finalizzata a sollecitare l'attenzione di Parlamento e Governo su alcuni punti specifici: riduzione delle tasse, freno alla burocrazia, eliminazione di vincoli e costi che frenano l'assunzione di giovani, saldo dei debiti dello Stato verso le imprese. Il tessuto produttivo italiano chiede inoltre al sistema bancario di ritornare a fare credito alle imprese, e al nuovo governo di varare immediatamente misure urgenti per consentire alle stesse di superare le difficoltà e tornare rapidamente allo sviluppo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento