Lunedì, 15 Luglio 2024
Economia

Manifestazione e stato di agitazione dei lavoratori del Cara di Restinco

Fp Cgil: "Ci chiediamo come mai questa struttura risulti vuota, mentre le altre del territorio brindisino risultino occupate oltre la loro capacità ricettiva"

BRINDISI - La Funzione Pubblica Cgil ha indetto una pubblica assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori del Cara di Restinco. Si terrà in piazza Santa Teresa, largo Prefettura, a Brindisi, venerdì 12 luglio dalle 11 alle 13. Il sindacato preannuncia l'apertura dello stato di agitazione di tutto il personale interessato. "Dal giorno 7 giugno ultimo scorso, il Cara di Restinco si trova a 'campo zero' a tutt'oggi, condizione mai verificatasi in precedenza, in pieno periodo estivo", si legge in una nota firmata dalla segretaria provinciale della Fp Cgil Chiara Cleopazzo e da Salvatore Marangi, dirigente sindacale Cara.

Le lavoratrici e i lavoratori interessati, nel dettaglio, sono 22. Da oltre vent'anni operano nel centro. In particolare, si tratta di addetti all'accoglienza, psicologi, sociologi, assistenti sociali. "Da sempre e con spirito di abnegazione e grande senso di responsabilità e altissima professionalità, garantiscono l'accoglienza a Brindisi di adulti e negli ultimi due anni anche di minori non accompagnati - si legge sempre nella nota - Si ritiene, a tal proposito, inspiegabile la condizione venutasi a verificare e, in particolare, le lavoratrici e i lavoratori hanno ultimato tutte le ferie maturate e si predispongono le misure fis (fondo di integrazione salarial, ndr) di ammortizzatori sociali che vedrebbero comunque una perdita retributiva".

"Dato lo stato di agitazione e la legittima preoccupazione per il concreto rischio di perdita delle prerogative occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori, da Fp Cgil Brindisi tutelati, non avendo ricevuto tempestiva e formale informativa alcuna sulla gestione in proroga del servizio affidato alle cooperative in indirizzo, e non avendo ricevuto nessuna comunicazione in relazione alla costruzione del nuovo bando di affidamento, nonostante trattasi di centro di prima accoglienza ministeriale, la scrivente organizzazione sindacale si chiede come mai questa struttura risulti vuota, mentre le altre strutture del territorio brindisino risultino occupate oltre la loro capacità ricettiva", scrivono dal sidnacato.

La Fp Cgil Brindisi insieme alle lavoratrici e ai lavoratori ha organizzato la manifestazione per tali motivi e "chiede ufficialmente che in tale occasione venga accolta una delegazione dalla Prefettura di Brindisi per illustrare compiutamente i termini della questione e le gravi criticità che stanno progressivamente procurando disagio sociale e forte preoccupazione tra le operatrici e gli operatori e alle loro famiglie", concludono.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione e stato di agitazione dei lavoratori del Cara di Restinco
BrindisiReport è in caricamento