Mesagne, soldi a chi recupera case

MESAGNE – Il Comune di Mesagne intraprende un’iniziativa tesa al rifacimento e valorizzazione del centro storico della città attraverso contributi per l’acquisto di immobili in disuso o riqualificazione degli stessi e messa a punto delle facciate. L’avviso pubblico non ha scadenza e varrà fino ad esaurimento fondi. Coloro che vorranno parteciparvi potranno visionare e scaricare dal sito istituzionale del Comune il bando e le domande per richiedere i contributi.

Mesagne, la Porta Grande

MESAGNE Il Comune di Mesagne intraprende un’iniziativa tesa al rifacimento e valorizzazione del centro storico della città attraverso contributi per l’acquisto di immobili in disuso o riqualificazione degli stessi e messa a punto delle facciate. L’avviso pubblico non ha scadenza e varrà fino ad esaurimento fondi. Coloro che intendono parteciparvi potranno visionare e scaricare dal sito istituzionale del Comune il bando e le domande per richiedere i contributi.

“Questa iniziativa rientra nel recupero del centro storico della nostra città – sottolinea l’ingegnere Cosimo Perrucci, dell’ufficio urbanistica di Mesagne, raggiunto telefonicamente – è un progetto che insieme al sindaco  Franco Scoditti abbiamo voluto lanciare per un restyling generale del centro storico”. Saranno messe a disposizione dei cittadini somme a copertura degli interessi bancari per chi affitta immobili, per chi acquista abitazioni oramai in disuso e abbandonate e per il recupero totale o parziale del rifacimento delle facciate che le intemperie del tempo hanno rovinato.

Il centro storico è individuato nella zona omogenea A1 e A2 dello strumento urbanistico vigente ed inoltre nelle strade comprese tra via F. Vita, via M. A. Catiniano, via E. Cavaliere. Il rimborso degli interessi bancari è previsto su contrazioni di  prestiti personali fino a 20 mila euro, con ammortamento massimo quinquennale; nel rimborso degli interessi bancari per i privati che contraggono mutui fino a 45 mila euro, con ammortamento massimo decennale – da attivarsi con istituti bancari convenzionati con il comune di Mesagne; il contributo per il rifacimento delle facciate consiste nell’erogazione a fondo perduto del 20% della spesa sostenuta fino ad un massimo di 1.000,00 euro.

Ai contributi sono ammessi gli acquirenti di immobili siti nel centro storico da destinare a residenza abitativa o ad attività commerciali/artigianali; i proprietari di immobili siti nel centro storico che intendono procedere al recupero totale/parziale degli immobili destinati a residenza abitativa o ad attività commerciale/artigianale; i proprietari di immobili siti nel centro storico che intendono procedere al rifacimento delle facciate.

Nel recente passato, sempre con amministrazioni di centrosinistra, un bando simile è servito a cambiare il volto della parte antica della città, e si conta di ottenere un risultato analogo, e possibilmente superiore. Il Comune di Mesagnese già da due anni cerca di riqualificare e valorizzare ulteriormente il centro storico della città, come con il progetto di Piazza Commestibili, ad oggi infatti sono arrivati altri fondi regionali per questo intervento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per scaricare tutti moduli per partecipare all’avviso pubblico basta andare sul sito istituzionale www.comune.mesagne.br.it oppure rivolgersi direttamente all’ufficio urbanistica del Comune di Mesagne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento