menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legge Biagi per tutti e clausola sociale la richiesta per gli operai Leucci

Enel al momento disposta a pagare gli stipendi solo per i 30 che hanno operato a Cerano. Prossima tappa, in Prefettura

BRINDISI - L'Enel ha annunciato di aver revocato gli appalti in essere con la Leucci Costruzioni, per osservanza della legge. Inoltre ha dichiarato di aver iniziato ad applicare la legge Biagi, elargendo ai lavoratori che hanno lavorato nella Centrale di Cerano il 70% delle retribuzioni e che è pronta a riconoscere il restante 30 per cento in tempi brevi. Sempre Enel ha dichiarato che almeno 30 lavoratori erano impegnati abitualmente nella centrale di Cerano ma altri 30 hanno lavorato nello stesso cantiere – a dire della società elettrica – solo occasionalmente.

E’ la sintesi dell’incontro svoltosi nella serata di oggi 23 settembre in Confindustria Brindisi tra i sindacati e il gruppo committente, sede in cui la Fiom Cgil ha sostenuto, per bocca del segretario provinciale Angelo Leo, che ad un appalto non concorrono solo i lavoratori che materialmente hanno varcato i cancelli del cantiere, in questo caso la centrale di Cerano, ma anche gli operatori delle officine che hanno realizzato i manufatti per la commessa, e che potevano essere realizzati solo in Leucci, oltre agli impiegati che hanno pianificato i lavori da realizzarsi sempre per conto di Enel.

Questa posizione sull’estensione della legge Biagi anche ai dipendenti Leucci che non hanno materialemnte lavorato a Cerano, sarà sostenuta dalla Fiom anche al prossimo incontro in Prefettura tra le parti, confronto che il prefetto Umberto Guidato sta riorganizzando dopo le defezioni dell’ultima convocazione. Inoltre la Fiom Cgil ritiene giusta, invece, la richiesta dell'Enel di coinvolgere anche le altre aziende committenti della Leucci nella applicazione della legge Biagi.

La legge Biagi riconosce ai lavoratori di aziende appaltatrici fallite o in crisi, quindi in mora per il pagamento delle retribuzioni, di ricevere parte del salario dalla committente. Sempre a garanzia dei lavoratori Leucci, la Fiom chiede l’applicazione della clausola sociale nel capitolato delle commesse che Enel dovrà riassegnare, quindi il loro diritto ad essere assunti dalle subentranti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento