menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tecnici e Regione a confronto sul tema della rigenerazione urbana

L’Ordine provinciale degli architetti intende aprire un confronto “non rituale” sul tema della rigenerazione urbana come strumento di riqualificazione del territorio, e a tale scopo per il 26 giugno ha organizzato un convegno

BRINDISI – L’Ordine provinciale degli architetti intende aprire un confronto “non rituale” sul tema della rigenerazione urbana come strumento di riqualificazione del territorio, e a tale scopo per il 26 giugno ha organizzato un convegno quale “primo momento nel quale riunire pubbliche amministrazioni e professionisti”,  ponendo al centro “le strategie, le idee e le visioni urbane d’insieme, entro cui porre le diverse scale progettuali e di intervento”.

L’incontro si terrà nella Sala Universitaria di Palazzo Granafei Nervegna, a partire dalle ore 16. L’Ordine ha già aperto una fase di ascolto con assessori e tecnici dei diversi comuni della provincia, individuando priorità e criticità, sulla base delle esperienze fatte (alcune delle quali di grande interesse), fa sapere il presidente Maurizio Marinazzo.

Al convegno del 26 giugno saranno presenti l’assessore regionale alla Pianificazione Territoriale, Anna Maria Curcuruto, la soprintendente ad Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, Maria Piccarreta, Laura Casanova, dirigente della Regione Puglia presso il Servizio Programmazione negoziata e riqualificazione urbana, Nicola Fuzio di, InArch Puglia, Giuseppe Durano, docente a contratto presso l’Università La Sapienza di Roma.

Seguiranno, nei prossimi giorni, diversi percorsi di laboratori urbani ospitati nelle diverse città prescelte, a confronto con esperienze già maturate, con una raccolta sistematica delle proposte che si andranno coerentemente a costruire, da presentare a conclusione anche attraverso una mostra con carattere itinerante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento