Braccio di ferro anche per i contratti al petrolchimico: sciopero

Otto ore di astensione dal lavoro giovedì 4 luglio per i settori, petrolio, energia e coibentazioni. Presidio al cancello d'ingresso

BRINDISI – Sciopero di 8 ore anche a Brindisi dei lavoratori del settore petroli, energia e coibentazioni, indetto per giovedì 4 luglio nell’ambito della vertenza per il rinnovo dei contratti di lavoro, che anche in questo comparto sta incontrando grossi problemi. Nella mattinata del quattro i sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno indetto un presidio simbolico all’esterno della porta carraia dello stabilimento petrolchimico consortile.

I tre sindacati confederali ritengono “gravi e inaccettabili i comportamenti mantenuti dalle parti datoriali ai tavoli della trattativa per i rinnovi dei contratti collettivi nazionali di lavoro, dei settori energia e petrolio e chimico coibenti.  Il contratto nazionale coibentazioni termoacustiche applicato a circa 3.000 lavoratori nel settore, a Brindisi nelle aziende Sait e Termisol, è ormai scaduto il 31 dicembre del 2015”. “Dopo l’ultimo rinnovo con l’associazione Anicta che rappresenta il settore risale al 4 aprile 2013, l’associazione datoriale – denunciano i sindacati - ha eretto un muro insormontabile che non permette di addivenire ad un rinnovo contrattuale dignitoso per le parti”.

L'ingresso del petrolchimico

“Siamo consapevoli che questo settore è in difficoltà sia per le condizioni del mercato che per le decisioni della committenza di generare appalti al massimo ribasso assegnando gare ad aziende che non applicano il contratto coibenti”, riconoscono i sindacati. “Siamo altresì coscienti che il settore è in profonda trasformazione ed è proprio per questo motivo che vogliamo un confronto costruttivo per poter approfondire queste tematiche e trovare eventuali soluzioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il contratto energia e petrolio, circa 37.000 addetti in Italia, e a Brindisi i lavoratori di Enipower, Eni Syndial, Eni R&M e Snam, “si registra un comportamento di Confindustria Energia inaccettabile e non condivisibile anche alla luce dei positivi andamenti economici che già dal 2017 in questo settore hanno registrato e confermato la loro positività per tutto il prossimo triennio”, dicono Filctem, Femca e Uiltec. “Non si possono disconoscere accordi già sottoscritti tra le parti e il rinnovo del contratto non deve tenere conto solo dell’andamento inflattivo generale di un Paese, ma anche dell’andamento economico e produttivo dell’intero settore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento