rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Economia

Sanitaservice, Cobas: "Previste 65 assunzioni, ma serve l'ok della Regione"

Il sindacato illustra il piano che gli è stato presentato dall'Asl Brindisi per il 2023: "Sia data priorità ai precari che hanno lavorato durante l'emergenza Covid"

BRINDISI - Cinquantadue ausiliari e di 13 amministrativi. Queste le nuove figure che sarebbero assunte fra le file della Sanitaservice, se andrà in porto il piano presentato alla Regione Puglia da parte dell’Asl Brindisi. E’ quanto emerge da una nota del sindacato Cobas di Brindisi a firma del coordinatore provinciale, Roberto Aprile, il quale chiede che sia dato diritto di precedenza ai precari che hanno prestato servizio durante l’emergenza Covid.

Il sindacalista, con una delegazione degli stessi precari, venerdì scorso (19 maggio) ha incontrato il direttore amministrativo dell’azienda sanitaria, Andrea Chiari, e l’amministratore della società in house, la Sanitaservice appunto, Francesco Zingarello. Presente all’incontro anche il responsabile regionale del Cobas Sanità, Gianluca Petruzzi. 

I due “hanno confermato l’invio della nuova documentazione richiesta dalla Regione Puglia – si legge nel comunicato a firma di Roberto Aprile - a valle del blocco delle assunzioni, confermando di fatto i numeri già inviati precedentemente. La Asl ha affermato nel corso della riunione che nelle carte presentate alla Regione l’aspetto importante è che non risulta nessuna variazione della spesa rispetto all’anno precedente”.

Il piano dell’Asl per il 2023, dunque, considerati i pensionamenti, il taglio di straordinari e l’affidamento di nuovi servizi, prevede, da quanto riferisce il Cobas, l’assunzione di 52 ausiliari e di 13 amministrativi. “Lo spazio per assumere le unità escluse – spiega Aprile – c’è e gli stessi lavoratori sono disponibili ad essere assunti anche a metà ore, da 36 ore a 18, pur di tornare nel mondo del lavoro”.

Il Cobas ha rivendicato “l’assunzione attraverso l’applicazione dell’articolo 24 del contratto”. “Questo articolo – spiega il sindacato - prevede l’assunzione diretta per il diritto di precedenza, così come è stato fatto fino ad oggi”. Per questo il Cobas ritornerà a Bari, presso la presidenza della Regione Puglia sul lungomare Nazario Sauro, nella giornata di giovedì (25 Maggio), dove a partire dalle ore 9 si svolgerà un corteo. “L’ultima parola sulle nuove assunzioni che aspetta alla Regione   conclude il sindacato - con la nuova legge non può che essere positiva. Il lavoro svolto da Asl e Sanitaservice è ineccepibile, fatto con criterio e trasparenza. Andiamo a Bari per chiudere questa vertenza”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanitaservice, Cobas: "Previste 65 assunzioni, ma serve l'ok della Regione"

BrindisiReport è in caricamento