Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia

Mercato Sant'Elia, no di Confesercenti e Adoc all'apertura serale

Le associazioni contrarie all'apertura straordinaria prevista per domenica 22 agosto: "Scelta che crea squilibrio nella rete commerciale brindisina"

BRINDISI - La Confesercenti Brindisi e l'Adoc Uil Brindisi storcono il naso per l’apertura serale straordinaria del mercato del rione Sant’Elia, decisa per domenica 22 agosto, a Brindisi, dalle ore 17 a mezzanotte.

L’associazione dei commercianti, attraverso una nota a firma del presidente, Michele Piccirillo, lamenta innanzi tutto il mancato coinvolgimento da parte del comune di Brindisi, avendo appreso della notizia solo dagli organi di informazione. 

“Evidentemente l’assessore alle Attività Produttive del Comune di Brindisi Massimo Vitali - afferma Piccirillo - ignora che queste decisioni vanno assunte di concerto con le associazioni di categoria del settore-commercio. Se fossimo stati consultati avremmo spiegato all’assessore che quella di far svolgere il mercato settimanale nelle ore serali è una scelta discutibile che crea squilibrio nella rete commerciale brindisina, andando a discapito di chi svolge questa attività nei propri punti-vendita”.

A detta di Piccirillo “è evidente che non era e non è sufficiente sentire gli ambulanti ignorando le ragioni delle associazioni dei commercianti, delle associazioni dei consumatori e degli stessi abitanti del rione Sant’Elia”. “E che dire, poi, delle evidenti difficoltà a gestire la sicurezza (anche degli stessi commercianti ambulanti) durante le ore serali in un’area così vasta come quella occupata dal mercato?”. “Per queste ragioni – conclude Piccirillo - chiediamo pubblicamente di essere convocati a Palazzo di Città, nelle more di un annullamento della decisione assunta in data odierna”.

L'associazione dei consumatori, in una nota a firma del presidente provinciale, Giuseppe Zippo, si pone sulla stessa falsa riga della Confesercenti.  "La decisione assunta  - afferma Zippo - di autorizzare un'apertura straordinaria del mercato di S.Elia, in orario serale dalle 17.00 alle 24.00 domenica  22 agosto, non la riteniamo condivisibile per una serie di motivazioni". "Ancora una volta l'assessore di turno 'tirato per la giacchetta' asseconda le associazioni  di categoria del commercio trascurando le istanze dei consumatori dei cittadini e dei residenti. La città  di Brindisi e quindi i cittadini/contribuenti  non possono farsi interamente carico della crisi del commercio ambulante pugliese trascurando gli effetti che tale scelta può  determinare anche in termini negativi sul commercio stanziale locale già in forte sofferenza".

"Fermo restando l'incertezza circa l'effettivo riscontro in termini di adesioni sia da parte degli operatori commerciali che dei consumatori considerato il periodo estivo, la giornata festiva e l'orario prescelto, sono diverse le preoccupazioni che vorremmo condividere partendo dall'aspetto legato alla sicurezza dei commercianti, dei consumatori e dei residenti. Altro tema importante l'igiene considerato che già  durante lo svolgimento nelle ore diurne diverse zone del quartiere divengono veri e propri servizi igienici all'aperto e le strade discariche con grave pregiudizio per la sicurezza stradale. A questo punto ci chiediamo: saranno disponibili tutti i servizi ed i controlli necessari a tutela dei consumatori per garantire le condizioni ottimali di svolgimento?"

Articolo aggiornato alle ore 9:47 del 5 agosto (nota dell'Adoc)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato Sant'Elia, no di Confesercenti e Adoc all'apertura serale

BrindisiReport è in caricamento