Sabato, 23 Ottobre 2021
Economia

Porti, retroportualità e consorzi Asi: incontro al ministero per Rollo

Per la seconda volta in pochi mesi, il presidente Marcello Rollo, su delega del Presidente della Ficei ed in rappresentanza dei Consorzi Asi di Ancona, Bari, Cagliari, Foggia, Gaeta, Massa Carrara, Monfalcone, Napoli, Olbia, Oristano, Reggio Calabria, Salerno, Taranto, Tortolì e Vasto, ha incontrato nella giornata del 18 febbraio Enrico Seta, capo della segreteria tecnica del ministro Maurizio Lupi

Per la seconda volta in pochi mesi, il presidente Marcello Rollo, su delega del Presidente della Ficei ed in rappresentanza dei Consorzi Asi di Ancona, Bari, Cagliari, Foggia, Gaeta, Massa Carrara, Monfalcone, Napoli, Olbia, Oristano, Reggio Calabria, Salerno, Taranto, Tortolì e Vasto, ha incontrato nella giornata del 18 febbraio Enrico Seta, capo della segreteria tecnica del ministro Maurizio Lupi delegato dal, ministro stesso a studiare possibili proposte di riforma della legge 84/94, il quale ha dimostrato grande sensibilità professionale.

Motivo dell’incontro è stato approfondire lo stato dell’arte del progetto di riforma della portualità italiana e operare una valutazione congiunta sul punto 9 degli stati generali del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica in cui sono state recepite le problematiche espresse dal presidente Rollo nel corso del precedente incontro, in relazione alle interferenze manifestatesi nel corso degli anni, ed alle possibili sinergie tra sistema portuale gestito dalle Autorità Portuali e sistema retroportuale gestito dai Consorzi Asi.

Marcello RolloCosì infatti recita l’anzidetto punto 9 degli stati generali del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica: "Integrazione tra sistema portuale e logistico e mondo imprenditoriale - Interventi sul lato della domanda attraverso driver di sviluppo che non si limitano ai porti ma alla connessione di questi al sistema produttivo e logistico nazionale e internazionale anche invertendo la logica di intervento che porta troppo spesso a trascurare le azioni di sviluppo collegate all’evoluzione delle aree retroportuali, degli interporti, delle aree industriali e distrettuali.”

L’occasione è stata utile per approfondire la valenza delle possibili sinergie tra sistemi portuali e sistemi retroportuali condividendo l’idea di una regia coordinata. In tal senso, nel caso Brindisi, Seta ha positivamente valutato il rinnovato rapporto di collaborazione tra Consorzio Asi ed Autorità Portuale che ha portato quest’ultima a ben valutare il progetto della Piastra Logistica Intermodale Retroportuale del Consorzio, in connessione con i possibili sviluppi lato mare e ad inserire il progetto nella più ampia proposta di pianificazione presentata ai sensi dell’art.29 del D.L. 12/09/2014 n.133. Si è convenuto, quindi, di mantenere aperto il dialogo istituzionale su questo importante scenario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porti, retroportualità e consorzi Asi: incontro al ministero per Rollo

BrindisiReport è in caricamento