Porto di Brindisi: pontile a briccole, arriva l'ok dal Provveditorato

L'Autorità di sistema portuale incassa anche sei mesi di tempo dal Ministero dell'Ambiente per integrare il progetto di colmata

Navi ro-ro a Punta delle Terrare

BRINDISI – Due importanti passi in avanti sono stati compiuti verso la dotazione del porto di Brindisi di nuove infrastrutture. La prima notizia riguarda il parere favorevole del provveditore per le Opere Pubbliche di Campania, Molise, Puglia e Basilicata per la realizzazione del pontile a briccole per navi Ro-Ro a Costa Morena Ovest, che consentirà l’ormeggio in sicurezza di grandi unità in condizioni meteo avverse.

La seconda riguarda la sospensiva di 180 giorni all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale, da parte della Direzione nazionale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali del Ministero dell’Ambiente, per superare il parere negativo espresso per il progetto di colmata tra Costa Morena Est e il molo del Petrolchimico consortile dalla Commissione Tecnica Via-Vas, in sede di procedimento per la pronuncia di compatibilità ambientale dell’opera.

Riguardo il procedimento per la colmata, il parere negativo della Commissione Via-Vas era stato emesso il 2 agosto scorso, comunicando all’Authority le ragioni della decisione. Avvalendosi della facoltà prevista dalla normativa in maniera (in questo caso l’articolo 10 bis della legge 241/1990), il 22 agosto l’Adsp aveva inviato alla commissione ulteriore documentazione, chiedendo sei mesi di tempo di sospensione dell’iter per svolgere ulteriori indagini e approfondimenti.

A proposito del pontile a briccole, invece, Il provveditorato per le Opere Pubbliche il 17 settembre aveva concluso la conferenza dei servizi richiesta dall’Autorità di sistema portuale per ottenere dagli enti interessati i rispettivi pareri previsti dalla normativa ai fini della conformità urbanistica dell’opera, emettendo parere negativo perché non era stata acquisita da parte della proponente la richiesta autorizzazione paesaggistica entro il 30 agosto.

In realtà il parere favorevole da parte del Comune era stato deliberato dal consiglio comunale il 27 agosto, con l’approvazione della relazione – favorevole – del dirigente del settore. Ma la conclusione si era inceppata proprio sul rilascio dell’attestato di conformità paesaggistica, dovuto ad una eccezione sulle procedure di dragaggio e trattamento dei fanghi. L’Adsp ha dovuto pertanto il 26 settembre rilevare che in progetto non erano affatto previste attività ed interventi di questo genere, precisazione non pervenuta però al Provveditorato.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine il 31 ottobre il Settore ambiente e igiene urbana del Comune di Brindisi ha rilasciato l’autorizzazione paesaggistica, e sulla base di ciò, e dei pareri pervenuti di altri enti, il provveditore per le Opere Pubbliche, Giuseppe D’Addato, ha emesso un nuovo parere, questa volta positivo, della conferenza dei servizi, vincolato ovviamente al pieno rispetto di prescrizioni e osservazioni, per la realizzazione del pontile a briccole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

Torna su
BrindisiReport è in caricamento