menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Possibili accorpamenti in Aqp: Cgil si ribella

BRINDISI - "Ci ritroviamo ancora una volta con un’azienda (Acquedotto pugliese, ndr) che persevera con azioni mirate che alimentano ulteriori tensioni tra i lavoratori".

BRINDISI - "Ci ritroviamo ancora una volta con un'azienda (Acquedotto pugliese, ndr) che persevera con azioni mirate che alimentano ulteriori tensioni tra i lavoratori". La nota di Cgil contro Aqp fa riferimento ad un possibile accorpamento tra Brindisi e Taranto che inevitabilmente porterebbe disagi ai lavoratori brindisini costretti a raggiungere le sedi tarantine.

"L'ipotesi organizzativa prevede una ottimizzazione organizzativa che, nello specifico, significa che la realtà di Brindisi viene accorpata a Taranto (con sede a Taranto) sommando gli 83 lavoratori locali ai 98 su Taranto - continua la nota del sindacato - l'azienda ha confermato che tutti i comprensori resteranno aperti e con questa nuova impostazione l'azienda a livello regionale ritiene di risparmiare 12 o 13 unità. Non sono ancora chiari tutti gli assetti del programma aziendale. Certo è che l'obiettivo primario resta comunque il risparmio sulle unità lavorative".

Il 19 aprile ci sarà un incontro regionale a Bari per conoscere meglio le intenzioni aziendali, nel frattempo però, Filctem Cgil ha già fatto sapere che non accetterà nessuna mobilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento