Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

"Recesso da concessione British Gas"

BRINDISI - Più che una opzione, un passo dovuto la recessione unilaterale dall'atto sostitutico di concessione demaniale marittima che a suo tempo l'Autorità portuale sottoscrisse a favore di British Gas - Brindisi Lng. Ciò alla luce della sentenza del processo all'iter autorizzativo del rigassificatore.

BRINDISI - Più che una opzione, un passo dovuto la recessione unilaterale dall'atto sostitutico di concessione demaniale marittima che a suo tempo l'Autorità portuale sottoscrisse a favore di British Gas - Brindisi Lng. Ciò alla luce della sentenza del processo all'iter autorizzativo del rigassificatore della società inglese, che ne dispone la confisca proprio alla luce dell'illegittimità di quell'atto concessorio.

L'argomento è all'ordine del giorno della prossima seduta del Comitato portuale, e Legambiente Brindisi "auspica che, pur tenuto conto della indubbia rilevanza anche degli altri argomenti (designazione nuovo segretario generale, bilancio, ndr), il Comitato Portuale, dopo il lungo tempo intercorso dalla richiesta di pronunciamento dell'Avvocatura dello Stato, proceda a votare quella che riteniamo essere una semplice presa d'atto dell'annullamento della concessione demaniale".

Secondo Legambiente Brindisi, "tale atto, oltre all'intrinseco valore dal punto di vista ambientale, consentirebbe finalmente di programmare la destinazione d'uso di Capo Bianco ad attività portuali più ecocompatibili".

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Recesso da concessione British Gas"
BrindisiReport è in caricamento