menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Forte a Mare

Forte a Mare

Ripartono le minicrociere vero il castello

BRINDISI – “Abbiamo trovato il Castello Alfonsino in una situazione devastante. La mancanza di fondi, non giustifica lo stato in cui versa la struttura”. Ma tutto sarà pronto e ripulito per l'1 agosto, quando ripartiranno le minicrociere pomeridiane nel porto di Brindisi. Ecco il programma.

BRINDISI - "Abbiamo trovato il Castello Alfonsino in una situazione devastante. La mancanza di fondi, non giustifica lo stato in cui versa la struttura". E' la polemica fra l'amministrazione comunale, rappresentata dal vicesindaco Vincenzo Ecclesie, l'associazione culturale Eliconarte, diretta da Chiara Mazza, e la Soprintendenza ai Beni culturali a monopolizzare la conferenza stampa di presentazione della quarta edizione delle minicrociere nel porto di Brindisi.

I turisti, dall'uno al 30 agosto, saranno accompagnati in un tour di 2 ore che partirà dalla banchina di viale Regina Margherita e si concluderà nel porto esterno, con una visita guidata all'interno di "Forte a mare". Ed è qui che nasce la polemica. Nel corso di un sopralluogo effettuato in mattinata, Chiara Mazza, organizzatrice dell'iniziativa, ha riscontrato lo stato di assoluto degrado in cui versa l'edificio, chiuso dallo scorso 31 marzo per volere della Soprintendenza.

"Grazie all'intervento degli operai della Monteco - dichiara la Mazza - il castello, nel giro di pochi giorni, diverrà fruibile per i turisti. Ma l'edificio versa in pessime condizioni. Stamattina, mi venivano in mente l'articolo 9 della Costituzione ('La Repubblica?tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione', ndr) e le parole di Roberto Benigni: la nostra Costituzione è meravigliosa, quando entrerà in vigore".

Eppure la Soprintendenza, nel disporre la chiusura del castello, aveva annunciato la volontà di garantire il servizio di vigilanza della struttura. "Da quello che abbiamo potuto riscontrare - afferma però la responsabile di Eliconarte - i pescatori sono i padroni indiscussi del castello".

Per adesso, il Comune di Brindisi non potrà far altro che dare una sistemata al forte in vista delle minicrociere e impiegare gli agenti di Polizia municipale nel servizio di sicurezza e vigilanza. Ma la situazione cambierà non appena l'amministrazione comunale entrerà in possesso dell'opera, che dovrà essere tuttavia concessa in uso o ceduta dal Ministero dei beni culturali sulla base di un preciso progetto.

Ma "il processo - dichiara Ecclesie - è a buon punto. Quando il castello sarà nella nostra piena disponibilità, avremo cura di renderlo fruibile alla cittadinanza. Per il momento, lo metteremo in condizioni quanto meno dignitose".

La mini-crociera, grazie al permesso della Soprintendenza, approderà alla banchina del castello. Sarà la tappa finale di un tour che inizierà alle 17 e 45, con l'imbarco dalla banchina antistante la Capitaneria di porto, e si concluderà alle 20 (prima della visita al castello, i turisti potranno entrare nella cripta del Monumento al marinaio).

Le visite sono state programmate nei seguenti giorni del mese di agosto: 1, 2, 3, 4, 8, 10, 11, 13, 14, 16, 18, 22, 23, 24, 25, 28, 29, 30. Il costo di ogni minicrociera ammonterà a 5 euro. Per prenotare il tour, bisogna chiamare al 3296904723. "L'anno scorso - afferma la Mazza - la lista d'attesa inevasa fu di 1200 persone. Ci auguriamo che anche quest'anno si ripeta lo stesso successo".

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento