Effetto domino sui lavoratori e rischio mora dei ritardati pagamenti del Comune

La constatazione che l'amministrazione comunale sia in ritardo nei pagamenti delle proprie fatture non costituisce certamente una novità. Un ritardo che potrebbe avere avuto conseguenze dolorose per le casse comunali a causa della eventuale richiesta degli interessi legali di mora

BRINDISI - La constatazione che l’amministrazione comunale sia in ritardo nei pagamenti delle proprie fatture non costituisce certamente una novità. Un ritardo che potrebbe avere avuto conseguenze dolorose per le casse comunali a causa della eventuale richiesta degli interessi legali  di mora da parte degli interessati, che sono stati elevati  all’8,25%,   a partire dal 1° gennaio 2014.

Non si tratta certamente di somme irrisorie, come si potrebbe pensare. Per rendersene conto,  è sufficiente fare riferimento,  a titolo di esempio,  al  ritardo maturato nel passato nel pagamento di alcune fatture relative al servizio di ristorazione di  competenza della pubblica istruzione,  per complessivi  1.064.512,62  euro,  che determinò la ditta interessata a chiedere al comune 118.987,72  euro,  a titolo  di interessi di mora.

Accade ora, che l’amministrazione è in arretrato anche  nel pagamento di diverse fatture emesse dalla  Monteco e dalla Multiservizi. Un ritardo nei pagamenti che ripropone in tutta la loro gravità,   le difficoltà  in cui sovente si dibattono le imprese,  che stipulano contratti  con la pubblica amministrazione, specie quelle di piccole o medie dimensioni, a causa della mancanza di liquidità, connessa con i notevoli ritardi nei pagamenti,  che mettono a rischio la loro sopravvivenza, i posti di lavoro, soprattutto in questa fase di recessione e  di difficile accesso al credito.

In questo caso particolare,  non si ha cognizione di eventuali richieste di  interessi legali di mora da parte della Monteco e Multiservizi,  che comunque potrebbero essere richiesti  successivamente,  ma  a  quelle difficoltà  fanno riferimento entrambe le società per  giustificare il mancato pagamento degli stipendi ai propri dipendenti, sui quali viene scaricato l’effetto più pesante di questa situazione.

Le squadre Monteco al lavoro su una spiaggia di BrindisiInfatti, per il lavoratore non ricevere lo stipendio, o riceverlo in ritardo, significa dover affrontare  seri problemi nel condurre la propria vita familiare, specie per coloro che appartengono a nuclei familiari monoreddito, perché significa non poter pagare o pagare in ritardo i propri creditori ( affitti, mutuo, bollette ), che li espone al pagamento di sanzioni e interessi di mora, ma anche a problemi più gravi. Naturalmente, ove perdurasse questa situazione,  potrebbero sempre ricorrere al prestito per andare avanti, per poter sopravvivere, ma anche in quel caso devono  pagare  gravosi  interessi bancari.

Anche loro risultano comunque fortemente  penalizzati, forse ancor più delle stesse imprese, perché la mancanza anche temporanea dello stipendio incide sulla  loro  quotidianità. Allora non si comprende perché nel caso venisse  richiesto l’interesse di mora, una quota parte di esso non sia stornato ai lavoratori,  che hanno tutto il diritto a venir riconosciuto il danno economico, che sono costretti a pagare sulla propria pelle e che spesso non viene tenuto in alcuna considerazione

Nondimeno l’amministrazione deve sbloccare con urgenza  i pagamenti , per porre fine a tutto questo, restituendo tranquillità ai lavoratori .  Non va comunque sottovalutato  l’effetto perverso, che  emerge dalla lettura del  comma 2 dell’articolo 41 del recente decreto legge 66/2014, che  impedisce alle  pubbliche amministrazioni che non rispettano i tempi di pagamento di 90 giorni nel 2014 e 60 giorni a partire del 2015,  di procedere a nuove assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsiasi tipologia contrattuale ( contratti di collaborazione  o di somministrazione). Un vincolo che potrebbe interferire con gli eventuali programmi di assunzione del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

  • Covid, Puglia: la curva rallenta. Nel Brindisino cinque decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento