Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Ok al nuovo piano industriale, schiarita per i lavoratori ex Cbs-Damarin

Tavolo in prefettura sulla vertenza. L'Autorità di sistema portuale si è espressa positivamente sulla domanda di concessione dell’area portuale presentata dal Consorzio cantieri riuniti del Mediterraneo

BRINDISI – Finalmente una fumata bianca nella vertenza riguardante i lavoratori dei cantieri navali ex Cbs-Damarin. L’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico meridionale si è espressa positivamente sulla domanda di concessione dell’area portuale presentata dal Consorzio cantieri riuniti del Mediterraneo, giudicando “di grande interesse” il piano industriale presentato dalla società.

La questione è stata al centro di un incontro che si è svolto presso stamani (martedì 6 agosto) presso la prefettura di Brindisi, su richiesta dal prefetto Umberto Guidato e del presidente della Task force per le emergenze occupazionali, Leo Caroli, in presenza del segretario generale dell’Authority, Tito Vespasiani, di un rappresentante del Consorzio Cantieri Riuniti (Ccrdm), Donato Di Palo, e dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali, oltre a un rappresentante dei lavoratori, Fabrizio Schiavone.  

I sindacalisti Antonio Macchia e Angelo Leo, segretari generali rispettivamente della Cgil Brindisi e della Fiom Cgil Brindisi, esprimono soddisfazione per le dichiarazioni di Tito Vespasiani, il quale ha riferito che la domanda di concessione dell’area portuale già Cbs-Damarin presentata dal consorzio è “definitivamente completa”, e che “il piano industriale è di grande interesse e con concrete prospettive di aumenti occupazionali futuri”. 

Il sindacato ha ribadito la richiesta che i 18 dipendenti di Cbs-Damarin vengano “riassunti alle medesime condizioni professionali già in essere”. A tal proposito la “task Force si è immediatamente resa disponibile – si apprende dalla Fiom Cgil - alla partecipazione ed avvio di corsi di formazione e riqualificazione per l'assunzione di personale rivenienti da altre crisi occupazionali del territorio brindisino nelle future assunzioni dando, priorità agli ex lavoratori Cbs-Damarin ancora in stato di disoccupazione”. 

“Come segretario generale della Fiom Cgil Brindisi – afferma Angelo Leo - penso che oggi sia stato compiuto finalmente con il concorso di tutti i soggetti riunitisi in prefettura, un passo straordinario per la salvaguardia dei livelli occupazionali a Brindisi, che va in controtendenza con l'aumento della cassa integrazione, la Naspi e la dismissione delle tante aziende metalmeccaniche del nostro territorio”. 
“Il buon primo risultato di oggi, - conclude Leo - potrebbe influenzare positivamente anche le altre tante vertenze che affliggono il tessuto industriale Brindisino e le centinaia di famiglie che dall'oggi al domani si ritrovano non per loro responsabilità in mezzo alla strada”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ok al nuovo piano industriale, schiarita per i lavoratori ex Cbs-Damarin

BrindisiReport è in caricamento