Economia Centro Storico / Corso Giuseppe Garibaldi

Jobs act e sicurezza sul lavoro: "C'è bisogno di norme più chiare e certe"

Si è discusso di sicurezza sul lavoro ai tempi del Jobs Act, questa mattina (18 febbraio), nella sede cittadina di Confindustria. Un incontro, in collaborazione con Ance Brindisi e le diverse realtà del settore edile territoriale

BRINDISI - Si è discusso di sicurezza sul lavoro ai tempi del Jobs Act, questa mattina (18 febbraio), nella sede cittadina di Confindustria, in corso Garibaldi. Un incontro, in collaborazione con Ance Brindisi, presente il presidente Pierluigi Francioso, e le diverse realtà del settore edile territoriale, che ha potuto contare su un parterre numeroso e su stimati relatori , come il dirigente area Lavoro e Welfare di Confindustria Nazionale, Fabio Pontrandolfi, e il vice direttore di Confindustria Brindisi, Vincenzo Gatto, entrambi autori degli interventi principali, oltre Alessandra Amoruso, direttore sia presso la Cassa edile della Provincia di Brindisi che per l’Ente unico scuola edile.

Al centro della discussione le modifiche e le novità presenti all’interno del Jobs act, la riforma del sistema lavorativo attuata tra il 2014 e il 2015 dal Governo Renzi, in materia di sicurezza.

“Modifiche e novità non eclatanti - dichiara a BrindisiReport.it il direttore Amoruso, una particolare esperienza nel campo del mercato del lavoro tra le amministrazioni pubbliche - per giunta in questi anni l’atteggiamento degli imprenditori è confuso, soprattutto nei confronti delle diverse figure contrattuali, introdotte dal Jobs Act”. Un momento dell'incontro nella sede brindisina di Confindustria

L’impennata di lavoratori con partita Iva o di lavoratori autonomi, in un settore come può essere quello cantieristico, ha di fatto evidenziato la presenza di dubbi nei datori di lavoro che spesso pensano di non avere responsabilità, dal punto di vista della sicurezza, verso queste nuove figure contrattuali.

“Volevamo riprendere il filo sulla sicurezza nei cantieri, un tema che ultimamente a creato confusione - aggiunge il direttore della Cassa edile della Provincia di Brindisi che conclude - ma oggi abbiamo voluto anche rivolgerci per la prima volta ai consulenti del lavoro, interlocutori diretti e più coinvolti con le aziende, soprattuto le piccole aziende edili e artigianali . Un tentativo di avviare una collaborazione attiva con le imprese del territorio”.

Una collaborazione che porterebbe ad un miglioramento sul tema della sicurezza sul lavoro, con un attenzione  attenzione che deve rimane sempre alta se si spera di sciogliere quei nodi in materia di salute e sicurezza che troppo spesso soffocano i lavoratori, siano essi del territorio locale o nazionale.

“Le modifiche apportate dal Jobs Act hanno dato lo spunto per discutere ed affrontare quest’oggi le vere problematiche sulla sicurezza - spiega il dirigente nazionale di Confindustria, Pontrandolfi - c’è bisogno di formazione, comportamenti sicuri e rispetto delle norme, detto questo, su un versante che possiamo definire politico, queste norme dovrebbero essere più chiare e certe”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jobs act e sicurezza sul lavoro: "C'è bisogno di norme più chiare e certe"

BrindisiReport è in caricamento