"Leonardo Elicotteri, turn over bloccato e delocalizzazioni"

Allarme di Fiom, Uilm e Ugl mentre si prepara la manifestazione nazionale di Roma di Cgil, Cisl e Uil contro le politiche economiche del governo

BRINDISI - Si prepara la partecipazione della delegazione brindisina alla manifestazione sindacale unitaria nazionale di sabato 9 febbraio a Roma #FuturoalLavoro contro le politiche economiche e sociali del governo in carica. Domani giovedì 7 febbraio alle 10, nella sala conferenze del municipio di Brindisi si terrà la conferenza stampa in cui Cgil, Cisl e Uil illustreranno i contenuti dell'iniziativa. Parteciperanno Antonio Macchia, segretario generale della Cgil, di Antonio Castellucci, segretario generale Cisl Taranto-Brindisi, e Antonio Licchello, segretario generale Uil.

Intanto tre sindacati metalmeccanici brindisini, Fiom Cgil, Uilm e Ugl, tornano a sollevare il problema degli assetti produttivi e del futuro del sito Leonardo (ex Finmeccanica di Brindisi). Nella fabbrica ex AgustaWestland, oggi LeonardoElicotteri, il turn-over è bloccato quindi si concretizza una sottile scia di riduzione dei posti di lavoro, mentre si avverte il peso della mancanza di un piano industriale per il sito, e del continuo trasferimento in Polonia da parte di Leonardo di intere linee di produzione.

La giustificazione di ciò con l'esigenza di riduzione dei costi, addotta dai vertici del gruppo, non è accettabile, ribadiscono Fiom, Ugl e Uilm, anche alla luce dell'effetto domino sull'intero indotto aeronautico brindisino. Occorre dare soluzioni e stabilità agli assetti produttivi della fabbrica di Brindisi, specializzata nello sviluppo dei prototipi ma minacciata dai trasferimenti delle lavorazioni alla PZL-Świdnik che fa capo a Leonardo, chiedono Fiom, Uilm e Ugl.

Il gruppo ex Finmeccanica da tempo affronta con le produzioni trasferite in Polonia la dura concorrenza internazionale nel settore degli elicotteri, rappresentata non solo dai colossi americani, ma anche da aziende europee, e lo fa ricorrendo a professionalità consolidate che presentano costi del lavoro più bassi. E' ciò che fanno anche i competitor, del resto. Le lavorazioni affidate alla Pzl, in ultima analisi, garantirebbero la competitività di Leonardo sul mercato dell'elicotteristica militare e civile e quindi anche il futuro dei siti italiani. Ma su questo i sindacati hanno, come già detto, una posizione diversa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento