rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia Ostuni

Sinistra alternativa: “Agevolazioni sui tributi locali per i cassintegrati”

OSTUNI - “Contro la crisi che si abbatte sui lavoratori occorrono segni tangibili e concreti della volontà del Comune di essere al fianco degli operai. Alleviare le loro famiglie del peso derivante dagli oneri di contribuzione locale sarebbe un gesto importante”. E’ quanto sostiene Giancarlo Scalone (commissario cittadino di Sinistra Alternativa): “Siamo pronti – spiega – a presentare un ordine del giorno che metta nelle condizioni l’Amministrazione comunale di prevedere, in sede di redazione del prossimo strumento finanziario, sgravi fiscali a beneficio delle famiglie dei lavoratori cassaintegrati: dall’Ici alla Tarsu, passando dalle spese che incidono sul bilancio familiare per il mantenimento e gli studi dei figli. Agevolazioni significative che in altre realtà cittadine è stato possibile adottare”.

OSTUNI - "Contro la crisi che si abbatte sui lavoratori occorrono segni tangibili e concreti della volontà del Comune di essere al fianco degli operai. Alleviare le loro famiglie del peso derivante dagli oneri di contribuzione locale sarebbe un gesto importante". E' quanto sostiene Giancarlo Scalone (commissario cittadino di Sinistra Alternativa): "Siamo pronti - spiega - a presentare un ordine del giorno che metta nelle condizioni l'amministrazione comunale di prevedere, in sede di redazione del prossimo strumento finanziario, sgravi fiscali a beneficio delle famiglie dei lavoratori cassaintegrati: dall'Ici alla Tarsu, passando dalle spese che incidono sul bilancio familiare per il mantenimento e gli studi dei figli. Agevolazioni significative che in altre realtà cittadine è stato possibile adottare".

Nei giorni scorsi, il sindaco Domenico Tanzarella ha incontrato una delegazione dei lavoratori Telcom licenziati nell'inverno del 2008 e tuttora in cassa integrazione. Nella circostanza le organizzazioni sindacali hanno rappresentato la drammaticità della situazione riveniente dallo stato di crisi avviato tempo fa; i sindacati hanno evidenziato che non si intravedono possibilità di recupero dei 36 lavoratori che sono in cassa integrazione e che vedono avvicinarsi il momento in cui resteranno senza stipendio con gravi ripercussioni sulla vita familiare. Solo per 12 dei 49 operai a suo tempo licenziati è previsto il reintegro in azienda.

Il sindaco, da parte sua, ha manifestato la più ampia disponibilità a riprendere un cammino comune per cercare di trovare delle soluzioni che possano alleviare il disagio che caratterizza i lavoratori, le famiglie e la città nel suo complesso. "La perdita di 36 posti di lavoro" spiega Tanzarella "in una situazione di difficoltà oggettive che caratterizzano il comparto economico-imprenditoriale anche di una città come Ostuni, non possono passare sotto silenzio e rappresentano un problema molto serio".

Tanzarella ha preso l'impegno di contattare quanto prima il titolare dell'azienda Telcom, Alfonso Casale, "perché con lo stesso, si possa fare il punto per vedere se ci sono spazi o margini per trovare delle soluzioni che, in un lasso di tempo plausibile, possano venire incontro alle giuste esigenze dei lavoratori".

Naturalmente sia le organizzazioni sindacali che lo stesso sindaco, non nascondono la particolare difficoltà della vicenda: "da un lato è necessario garantire i livelli occupazionali esistenti di una fabbrica che dà lavoro a tante famiglie della città bianca ma dall'altro non si può dimenticare il dramma che stanno vivendo gli altri 36 lavoratori".

Tanzarella è certo che la via del dialogo possa portare buoni frutti: "Non bisogna rinunciare - conclude il sindaco - a perseguire ogni utile tentativo per trovare delle soluzioni; mi auguro di trovare una particolare udienza da parte dell'azienda che deve cercare di farsi carico, nei limiti del consentito, di questo problema che non è solo della Telcom o dei sindacati o del sindaco ma è un problema sociale che, a questo punto, riguarda tutta la città". Da qui la proposta di Scalone, che incalza: "Dalle parole si passi ai fatti. Se il Comune alleggerisse su queste famiglie il peso fiscale, sarebbe già una primo, importante risultato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sinistra alternativa: “Agevolazioni sui tributi locali per i cassintegrati”

BrindisiReport è in caricamento