Economia

Soddisfazione per la legge salva-precari della Regione

BARI - L’ Assessore alle Risorse Umane, Maria Campese, ha espresso soddisfazione all’indomani dell’approvazione della proposta di legge “Attuazione dei programmi comunitari e nazionali e dei processi di stabilizzazione” che riguarda i precari della Regione Puglia, circa 200 unità.

BARI - L' Assessore alle Risorse Umane, Maria Campese, ha espresso soddisfazione all'indomani dell'approvazione della proposta di legge "Attuazione dei programmi comunitari e nazionali e dei processi di stabilizzazione" che riguarda i precari della Regione Puglia, circa 200 unità.

"Nella tarda serata di ieri è stato approvato dal Consiglio Regionale l'articolo unico della legge regionale con cui vengono portati alla loro scadenza naturale i contratti a tempo determinato sottoscritti nei mesi scorsi dalla Regione con personale esterno per attuare i programmi comunitari o finanziati su fondi statali a destinazione vincolata, nonché i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e di servizio".

"La legge regionale- dice l'assessore- mira a salvaguardare circa 200 precari che prestano servizio presso i vari Servizi dell' amministrazione regionale, nonché 4 unità in servizio presso il Consiglio, a rischio di revoca per effetto della manovra correttiva finanziaria prevista nel D.L.n. 78/2010 che impone alle Regioni che non hanno rispettato il Patto di Stabilità la revoca di tutti i contratti sottoscritti nei 10 mesi antecedenti le elezioni del marzo 2010.

"L'assessore esprime soddisfazione per l'approvazione di questa norma, resa possibile anche grazie ad un atteggiamento responsabile dell'intera opposizione, ringrazia tutti i consiglieri della maggioranza e del gruppo UdC che hanno votato a favore della legge, ed auspica che questo primo intervento legislativo a favore dei precari della Regione possa essere esteso in un futuro prossimo anche agli altri precari."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soddisfazione per la legge salva-precari della Regione

BrindisiReport è in caricamento