Domenica, 14 Luglio 2024
Economia

Nodo stipendi e piano di salvataggio: il sindaco incontra i lavoratori Multiservizi

Presenti anche i sindacati. Risolto il problema Durc, si attende il saldo della mensilità di maggio. I chiarimenti di Marchionna sullo stato di crisi della società partecipata

BRINDISI – Il Durc (Documento unico di regolarità contributiva) è stato regolarizzato. Nei prossimi giorni si dovrebbe procedere con il saldo della mensilità di maggio, di cui i lavoratori hanno ricevuto solo un acconto pari a 600 euro. La rassicurazione è stata fornita dal sindaco di Brindisi, Giuseppe Marchionna, ai dipendenti della Brindisi Multiservizi, durante in incontro che si è svolto stamattina presso un’affollata sala Mario Marino Guadalupi di palazzo di città. Il personale della partecipata ha scioperato, in segno di protesta per la mancata corresponsione (per intero) dell’ultimo stipendio. Il loro malcontento è stato espresso dai rappresentanti dei sindacati Cobas, Confsal – Filcam, Cgil, Cisl e Uil, che hanno posto al sindaco una serie di domande sullo stato di salute e sul salvataggio della società in house.

Video - Il sindaco: "A breve si risolverà il problema stipendi"

Va ricordato infatti che la Bms ha chiuso il 2023 con un passivo di quasi 2 milioni di euro. Se si somma il deficit accumulato anche nel 2022, l’importo sale a quasi 2,8 milioni. Se anche il 2024 si dovesse chiudere in rosso, bisognerebbe portare i libri contabili in tribunale . Per scongiurare questo rischio, l’amministratore unico della partecipata, Gianvito Morelli, ha proposto un piano industriale triennale che ora è al vaglio del collegio dei revisori dei conti, dopo essere stato discusso dalla conferenza dei capigruppo e dai componenti della commissione consiliare Bilancio. Una volta ottenuto il via libera dei revisori, bilancio e piano di rilancio approderanno in consiglio comunale.

Il sindaco insieme ai sindacalisti

Videointerviste - Le perplessità e le proposte dei sindacati

Ma il salvataggio dell’azienda potrebbe passare dal ricorso agli ammortizzatori sociali? La domanda è stata posta dai sindacati. “La situazione – dichiara Marchionna a tal proposito – è piuttosto complessa. Sarà da valutare e da affrontare anche con gli organismi preposti”.

I sindacati hanno sollevato anche le seguenti questioni: Il piano industriale sarà approvato? In caso contrario, è stato previsto un paracadute? E poi, come farà la Bms a chiudere il 2024 in pareggio, se già nei primi mesi dell’anno sta fatturando al di sotto delle aspettative? Le questioni sono state sollevate da sindacati e lavoratori. 

Il primo cittadino ha chiarito un concetto: “Non abbiamo solo il problema di rispondere a voi – ha dichiarato - ma dobbiamo fare in maniera che il piano regga bene alla Corte dei conti. Questo richiama tutti i consiglieri ad avere atteggiamenti informati e consapevoli di quello che sta avvenendo”. E poi aggiunge: “Non ho elementi per poter dire di non essere certo che questa elaborazione comune possa non avere esito positivo”. Marchionna cerca di rassicurare la platea di lavoratori. “Non vedo difficoltà particolari – dichiara ancora il sindaco - avendo la coscienza serena di aver fatto un buon lavoro, che vi verrà illustrato alla prima occasione utile”.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nodo stipendi e piano di salvataggio: il sindaco incontra i lavoratori Multiservizi
BrindisiReport è in caricamento