menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assemblea in piazza Vittoria dei dipendenti Inps

L'assemblea in piazza Vittoria dei dipendenti Inps

Tagli, protesta personale Inps

BRINDISI – L’Inps, importante per i cittadini quanto la Asl. Le pensioni e la salute. Il nocciolo duro del Welfare italiano, dello Stato sociale, oggi quello più colpito dai tagli del governo Monti. Sia dal versante dei cittadini sul piano del riassetto del sistema pensionistico, che da quello di chi sta dietro lo sportello, sempre in meno e sempre più carichi di lavoro.

BRINDISI - L'Inps, importante per i cittadini quanto la Asl. Le pensioni e la salute. Il nocciolo duro del Welfare italiano, dello Stato sociale, oggi quello più colpito dai tagli del governo Monti. Sia dal versante dei cittadini sul piano del riassetto del sistema pensionistico, che da quello di chi sta dietro lo sportello, sempre in meno e sempre più carichi di lavoro.

Per questo oggi anche a Brindisi i dipendenti dell'Inps sono scesi letteralmente in piazza per rendere pubblica la loro protesta, nel corso delle ore dedicate ad una assemblea sindacale. Personale della sede locale dell'istituto di previdenza si sono riuniti in piazza Vittoria, dove si affaccia la sede storica dell'Inps in città, con le bandiere dei sindacati e un volantino per i cittadini.

Nel volantino c'è la spiegazione dello stato di agitazione del personale della "previdenza sociale". Siamo ormai uno ogni 1800 cittadini italiani, e questo pesa sui tempi del disbrigo delle pratiche e sui servizi agli sportelli, fanno sapere i dipendenti Inps. Perciò se le code agli sportelli non finiscono mai, non è colpa nostra ma del governo, spiega il personale dell'istituto agli assistiti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento