menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una turbina LM2500+G4 nello stabilimento di Brindisi di Avio Aero

Una turbina LM2500+G4 nello stabilimento di Brindisi di Avio Aero

Turbine made in Brindisi per i pattugliatori della Marina

Dopo le fregate italo-francesi Fremm, monteranno turbine di derivazione aeronautica anche i sette nuovi pattugliatori d’altura multi-purpose della Marina Militare italiana, destinati a sostituire nei prossimi anni i cacciatorpediniere e le corvette attualmente in servizio

Dopo le fregate italo-francesi Fremm, monteranno turbine di derivazione aeronautica anche i sette nuovi pattugliatori d’altura multi-purpose della Marina Militare italiana, destinati a sostituire nei prossimi anni i cacciatorpediniere e le corvette attualmente in  servizio, nell’ambito della riorganizzazione e dell’ammodernamento della nostra flotta. Avio Aero si è aggiudicata, battendo Rolls-Royce, questa importante commessa, che prevede la consegna della prima turbina a gas LM2500+G4 di General Electric Marine (lo stesso propulsore delle Fremm) nel 2017 mentre è previsto chele  ulteriori 6 turbine saranno consegnate entro il 2022.

Avio Aero è responsabile della progettazione del sistema di controllo della turbina di derivazione aeronautica (è della stessa famiglia della motorizzazione dei cacciabombardieri F16), dei sistemi ausiliari e del “package” dell’intero sistema propulsivo, nonché della produzione di parti importanti e della manutenzione e revisione delle turbine. Di questa filiera fa parte lo stabilimento di Brindisi, cui tocca l’assemblaggio finale e il montaggio della turbina nel modulo con cui viene imbarcata e montata a bordo dell’unità navale, e la produzione della scatola di controllo.

“La scelta prosegue una lunga tradizione di collaborazione con la Marina Militare Italiana. La turbina che equipaggerà i Pattugliatori è la stessa adottata dal programma italo-francese Fremm. Proprio la standardizzazione della linea logistica con le altre unità maggiori della forza Armata attualmente in servizio, unitamente alla provata affidabilità delle turbine GE classe LM, consentirà un indubbio contenimento dei costi di gestione e supporto per la Marina Militare”, sottolinea un comunicato dell’azienda.

“Questo risultato, la migliore tecnologia in termini di prestazioni unita ai costi di esercizio, ci rende orgogliosi perché testimonia, ancora una volta, il nostro ruolo di partner strategico della Difesa italiana – ha dichiarato Riccardo Procacci, presidente e amministratore delegato di Avio Aero -. La nostra è una leadership tecnologica che, dal 2005 a oggi, ha visto le turbine LM2500 di GE Marine conquistare 30 nuovi programmi di fornitura navale, con 1.300 motori operanti nel mondo ed oltre 13 milioni di ore di servizio accumulate”.

“Offriamo, inoltre, la nostra catena logistica internazionale, frutto delle sinergie tra gli stabilimenti industriali del network di General Electric, che rappresenta – ha detto ancora Procacci - una grande risorsa per l’indipendenza della Marina, che potrà così beneficiare di un’efficienza sui costi per l’intero ciclo di vita del prodotto”. Nello stabilimento di Brindisi, dove sono impiegati circa 700 dipendenti, Avio Aero produce fino al 20% dei componenti del motore LM2500, la turbina a gas di GE usata da 34 Marine Militari internazionali e in innumerevoli applicazioni industriali e marine, fa sapere Avio Aero.

“Il sito pugliese, inoltre, è stato scelto come centro di eccellenza mondiale di General Electric per la revisione e la riparazione delle turbine a gas LM2500 e LM6000, offrendo supporto ai clienti di motori navali e industriali in tutto il mondo. Fuori degli Stati Uniti, quello di Brindisi è attualmente il più grande centro di revisione per queste turbine. Per questa fornitura Avio Aero era in competizione con Rolls-Royce”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento