menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alfredo Malcarne

Alfredo Malcarne

Turismo in crescita a Brindisi: aumentano le strutture a 4 stelle e quelle extra alberghiere

BRINDISI – E’ una provincia dai due volti, uno che sprofonda nella crisi occupazionale uno che rivaluta un turismo di lusso, quella che viene fuori dall’annuale Rapporto economico 2010 stilato dalla Camera di commercio di Brindisi. Nel 2009 infatti, nonostante la crisi e la situazione economica generale, la provincia ha saputo reagire mantenendo, almeno a livello turistico, una posizione che rispetto all’anno precedente non mostra flessioni ma crescita.

BRINDISI - E' una provincia dai due volti, uno che sprofonda nella crisi occupazionale uno che rivaluta un turismo di lusso, quella che viene fuori dall'annuale Rapporto economico 2010 stilato dalla Camera di commercio di Brindisi. Nel 2009 infatti, nonostante la crisi e la situazione economica generale, la provincia ha saputo reagire mantenendo, almeno a livello turistico, una posizione che rispetto all'anno precedente non mostra flessioni ma crescita.

L'incremento generalizzato del settore, in particolare delle strutture ricettive, è del 13%. A crescere poi, ci sono le strutture extra alberghiere: 17,3% in più rispetto al 2008. Stesso andamento per i posti letto che aumentano del 9% per gli alberghi. Le uniche eccezioni riguardano invece una flessioni per la scelta di alberghi a 3 stelle: 5,9% la diminuzione del numero di esercizi, 3,4% dei posti letto.

L'incremento ha invece riguardato quelli a 4 e 5 stelle ma, le variazioni più consistenti riguardano affittacamere (+50%), campeggi (+50%), case per ferie (+20%), bed&breakfast (15,4%), alloggi turistici (+10,6%). Dati ufficiali che confermano quelli già diffusi da alcuni tour operator.

A partire dal 2005, l'analisi dei dati economici ha evidenziato una forte riduzione dei posti letto pari al 41% nelle strutture ricettive che bilancia invece l'aumento delle strutture extra alberghiere. Complessivamente la provenienza dei turisti è in maggior misura italiana: l'84,2% dei turisti è italiano, il 15,8% straniero.

Puglia e Campania sono le regioni da cui provengono la maggior parte dei turisti che scelgono Brindisi: un incremento delle strutture extra alberghiere è dovuto proprio a quelli baresi che scelgono il mare e l'agro brindisino per le vacanze estive. I turisti stranieri invece, così come per il resto dell'Italia, proviene da Germania (+21,4%), Stati Uniti (-35,3%), Francia e Svizzera che invece crescono del 22%.

Un focus sul sistema creditizio nell'ultimo anno evidenzia la mancanza di variazioni per il numero di sportelli bancari. Sono aumentati i depositi (+6,74%) ma misurando il rapporto tra "sofferenze ed impieghi" l'ndicatore misura un 5,2% (il dato nazionale è del 2,5%). Una circostanza evidenziata anche dal presidente dell'ente camerale, Alfredo Malcarne, che nella sua relazione presentata oggi ha parlato proprio delle difficoltà delle aziende ad accedere al credito.

"Se riuscissimo a facilitare l'accesso al credito per le Pmi - spiega Malcarne - ridurremmo le sofferenze delle nostre aziende che hanno tenuto alla crisi solo perché anche prima sono state abituate alle sofferenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Attualità

    Il finanziamento della Regione per rifare il look alla periferia nord

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento