rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Economia Ceglie Messapica

Fondazione San Raffaele: "Internalizzazione si svolga in modo equo e trasparente"

Note dei sindacati Uil Fpl e Cisl Fp sul futuro del personale del centro riabilitativo di Ceglie Messapica, che diventerà di proprietà e gestione pubblica

CEGLIE MESSAPICA - Il sindacato Uil Fpl chiede un “urgente confronto” sul processo di internalizzazione del personale della Fondazione San Raffaele, dopo l’approvazione della legge regionale in virtù della quale il Centro regionale di riabilitazione pubblica ospedaliera di Ceglie Messapica sarà di proprietà e gestione interamente pubblica, rientrando nell'organizzazione funzionale della Asl di Brindisi. Analoga iniziativa viene intrapresa anche dalla Cisl Fp Taranto - Brindisi, che attraverso la segretaria territoriale Flavia Ciracì ha richiesto un’audizione in III Commissione Sanità della Regione Puglia.

La nota della Uil Fpl

Il segretario generale della Uil Fpl, Gianluca Facecchia, scrive al governatore Michele Emiliano, al consigliere regionale Mauro Vizzino (presidente Terza commissione assistenza sanitaria e sociale), al direttore generale dell’Asl Brindisi e al San Raffaele. 

La lettera “è a favore del personale della Fondazione San Raffaele, la quale ha svolto, nel corso degli anni, la propria missione grazie alle qualità del personale sanitario e non, che ha prestato il servizio in maniera diligente e con un alto profilo professionale, umano e scientifico, gradito e valorizzato dall'utenza stessa”.

La Uil Fp, si discosta “dalle polemiche avvenute in questi giorni riguardanti la gestione del servizio e chiede di evitare strumentalizzazioni o strategie che non portano ad alcun risultato”. “Chiediamo altresì - scrive Facecchia - che si vigili con la massima attenzione sul percorso che prevede il processo di internalizzazione, nel rispetto dell’attuale quadro normativo”.

Il sindacato auspica “un urgente confronto tra le parti a tutela di tutti i lavoratori con maggior attenzione a rischio di esclusione della platea non contemplata nel Ccnl sanità pubblica”. 

“La segreteria Uil Fpl Brindisi  - conclude Facecchia - richiama l’attenzione di tutti i livelli politici regionali, su un servizio di vitale importanza per la comunità, nonché di eccellenza, auspicando da parte dell’Asl di Brindisi una celere attivazione di un tavolo di confronto monotematico per un dialogo costruttivo, al fine di tranquillizzare l’utenza e i lavoratori tutti, garantendo a questi ultimi di continuare a prestare la propria opera senza ripercussioni”. “Contestualmente, chiediamo un’audizione in Terza Commissione Sanità affinché il processo di internalizzazione si svolga nella maniera più equa e trasparente possibile”.

La nota della Cisl Fp

A della della segretaria della Cisl Fp Taranto Brindisi, Flavia Ciracì, "è indispensabile effettuare un approfondimento di natura tecnica, sulle modalità e sui tempi di attuazione della promulganda Legge, per sincerarsi che detta  internalizzazione si concretizzi con le garanzie occupazionali per tutta la platea di lavoratrici e lavoratori attualmente in forza". 

"Abbiamo la necessità  - si legge nel comunicato del sindacato - di verificare l’opportuna copertura finanziaria a tutela dell’occupazione a tutti i livelli, affinché la stessa non sia rivolta esclusivamente ai lavoratori con contratti a tempo indeterminato ma sia estesa anche a coloro che collaborano a partita Iva o attraverso altre forme di contrattualizzazione, considerando altresì il personale della mensa e del pulimento".

"Il Centro di riabilitazione di Ceglie Messapica da oltre 20 anni è gestito dalla Fondazione San Raffaele, in regime di proroga provvisoria e con diverse problematiche che hanno coinvolto, nel tempo, tale struttura; prima fra tutte - prosegue Ciracì - il mancato riconoscimento contrattuale da parte del management ai propri dipendenti che invano attendono gli adeguamenti economici e normativi derivanti dal rinnovo del contratto di Sanità Privata, avvenuto nel lontano 2020". 

"Siamo certi - conclude la sindacalista - che l’istituzione regionale saprè fornire le dovute risposte e che lo stesso personale potrà transitare nel servizio sanitario pubblico al pari dei dipendenti della sanità pubblica, mettendo fine ad una condizione di iniquità economica e normativa che da troppo anni esso oramai subisce".

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione San Raffaele: "Internalizzazione si svolga in modo equo e trasparente"

BrindisiReport è in caricamento